IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

L’Aquila ultima in Abruzzo per pagamenti delle imprese

Più informazioni su

Nel primo trimestre 2012 il 42,5% delle imprese è stato puntuale nel saldare i propri fornitori, contro il 36,70% di un anno fa. Nonostante il miglioramento, la città si aggiudica l’ultimo posto in regione. La media regionale è del 44,5%. Le piccole realtà più virtuose delle grandi. L’indagine di CRIBIS D&B, società del gruppo CRIF specializzata nella business information.

Migliora la puntualità nei pagamenti delle imprese in Abruzzo ed anche in provincia dell’Aquila, dove nel primo trimestre 2012 il 42,5% delle imprese ha saldato alla scadenza le fatture ai fornitori, rispetto al 36,70% di un anno fa. Una percentuale che però, complice certamente la particolare situazione di difficoltà venutasi a creare con il terremoto e mai risolta, vale solo l’ultimo posto nella classifica delle province abruzzesi più virtuose. Entrando nel dettaglio, il 49,5% delle imprese dell’Aquila ha saldato le fatture ai propri fornitori entro un mese oltre i termini pattuiti con i partner commerciali, il 4,5% tra i 30 e i 60 giorni di ritardo, il 2% tra i 60 e i 90 giorni, l’1% tra i 90 e i 120 giorni, lo 0,4% oltre il limite dei 120 giorni.

A dirlo è l’analisi di CRIBIS D&B, la società del gruppo CRIF specializzata nella business information, che ha realizzato lo Studio Pagamenti dell’Abruzzo relativo ai primi tre mesi 2012. La perfomance dell’Aquila è inferiore sia alla media regionale (44,5% di imprese virtuose) sia a quella nazionale (46,6%) e la colloca all’ultimo posto nella classifica della puntualità tra le province Abruzzesi. In regione al primo posto si piazza Teramo (45,5%), seguono Chieti (45,3%), Pescara (43,9%), chiude l’Aquila (42,5%).

«Le dinamiche che si riscontrano in Abruzzo sono assimilabili a quelle nazionali, dove nel 2011 i comportamenti di pagamento mostrano un miglioramento rispetto al 2010. Questo però – mette in guardia Marco Preti, amministratore delegato di CRIBIS D&B – è un dato che va letto controluce per comprendere correttamente i fenomeni sottostanti, non tutti positivi. In parte il miglioramento è dovuto al fatto che il ritardo si è ‘istituzionalizzato’, cioè è stato incorporato nei termini di pagamento definiti contrattualmente. Da una survey qualitativa realizzata da CRIBIS D&B nel marzo 2012 su oltre 500 credit manager italiani risulta che oltre il 90% degli intervistati ha ricevuto richieste di aumento dei termini di pagamento e il 62% degli intervistati ha individuato in questo una delle maggiori problematiche che la sua azienda ha dovuto affrontare nell’ultimo anno».

Più informazioni su

X