IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Lucoli, Motociclisti Aquilani: «Sindaco Chiappini blinda la montagna»

L’Aquila, 3 mag 2012 – «La Motocavalcata delle Margherite, una manifestazione motociclistica consolidata che ha portato centinaia e centinaia di appassionati nel nostro territorio, rischia quest’anno di arenarsi sulle paludi di scelte politiche miopi». Questo il commento in una nota del Motoclub Motociclisti Aquilani che attaccano il sindaco di Lucoli che avrebbe posto dei divieti di accesso sulle mulattiere. 

«Dopo tre anni di svolgimento nella Valle Subequana la manifestazione di enduro, non una gara ma un giro turistico tra le strade sterrate delle nostre più belle montagne, era stata spostata nel versante di Roio – Lucoli, ma a pochi giorni dall’evento sono spuntati come funghi dei divieti di accesso su quasi tutte le mulattiere del Comune di Lucoli» prosegue la nota. 

«Il Motoclub ha immediatamente cercato un contatto con il Sindaco, Valter Chiappini, che però, senza nemmeno ascoltare le motivazioni, ha negato qualsiasi permesso speciale per far svolgere la manifestazioneormai programmata» si legge. 

«Siamo di fronte ad un classico caso di amministratori locali che, non essendo in grado di fare, pensano di risolvere i problemi ignorandoli – ha commentato a caldo del Presidente del Motoclub Motociclisti Aquilani Massimiliano Mari Fiamma – E’ assurdo che si possa blindare un intero comprensorio montano a proprio piacimento e senza alcuna ragione. I divieti apposti, infatti, non riguardano solo le moto ma qualsiasi mezzo, anche agricolo, che voglia percorrere quelle strade e questo lascia più di qualche dubbio sulla legalità di tale azione. Sindaci che si dimostrano così incapaci di gestire queste semplici situazioni in un territorio allo stremo – ha continuato Mari Fiamma – non dovrebbero avere compiti da protagonisti nella ricostruzione che, sottolineo,non riguarda solo le case, ma anche il rilancio turistico ed economico del comprensorio aquilano».

«Ricordiamo che i dati della Federazione Motociclistica Italiana sul mototurismo nella Provincia dell’Aquila riportano cifre impressionanti con oltre 1 milione di moto che hanno percorso le nostre strade dal terremoto fino al 31/12/2011 – seguita Mari Fiamma –  cosa che dovrebbe far molto riflettere sul potenziale che le due ruote possono esprimere per le nostre zone. Il Motoclub sta adesso cercando di modificare il percorso ma l’organizzazione e la promozione è già partita da mesi ed appare difficile trovare una soluzione prima del 13 maggio prossimo, data di svolgimento della Motocavalcata, per cercare di non mettere la parola “fine” ad un evento che stava dando tantissime soddisfazioni».

«Noi non molliamo – con conclude il presidente-  dobbiamo trovare una soluzione nell’immediato ed il modo di evitare che in futuro le velleitarie manie di protagonismo di piccoli politici locali possano essere così determinanti per le vite di tutti».

X