Disponibili Open Data su portale Inps

Più informazioni su

L’Aquila, 16 mar 2012 – È disponibile, sul portale web dell’Inps (www.inps.it), la nuova sezione informativa dedicata agli Open Data, dati liberamente accessibili ai fini del “riutilizzo” da parte di soggetti esterni quali cittadini, aziende, enti, istituzioni. Continua così l’impegno dell’Istituto verso una sempre maggiore trasparenza e qualità delle proprie attività istituzionali, nell’intento di rendere sempre più agevole l’utilizzo dei servizi erogati e con l’obiettivo di essere sempre più vicino ai suoi utenti e ai cittadini in generale. 

Anche il progetto Open Data, infatti, si inserisce nel processo di innovazione tecnologica che l’Inps ha intrapreso da diversi anni e che vedrà la completa telematizzazione dei servizi offerti entro il 2012. In questa nuova sezione informativa, pertanto, saranno progressivamente pubblicati una serie di dati gestiti dall’Istituto, categorizzati per argomento e fonte, che potranno essere consultati dai cittadini e utilizzati da operatori pubblici e privati per condurre ricerche, produrre soluzioni informatiche, agevolare la condivisione di informazioni tra enti e istituzioni pubbliche nazionali e comunitarie.

Si accede al servizio direttamente dalla home page del portale Inps, attraverso il pulsante posto sulla barra comandi nella parte superiore della pagina. La sezione si divide in due sottosezioni: la prima, denominata Informazioni, spiega cosa sono, a cosa servono e come si usano gli Open Data, mentre la seconda, denominata Open Data Inps, costituisce il data base vero e proprio, i cui contenuti vanno dalle aliquote contributive ai requisiti pensionistici, dai dati relativi alle prestazioni a sostegno del reddito agli osservatori sulle varie tipologie di lavoratori, tanto per fare alcuni esempi. È possibile accedere ai dati operando a piacere una selezione per argomento, per fonte o per periodo, e per ogni serie di dati è riportata la data di aggiornamento, il numero di download effettuati, il tipo di file utilizzato e la licenza d’uso.

Più informazioni su