IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Movida: nuovo documento dei gestori

L’aquila, 27 gen 2012 – I gestori degli esercizi pubblici fanno un nuovo passo avanti per il quieto vivere con i residenti del centro. Ieri si sono incontrati per ribadire a Comune e cittadini, in un nuovo documento, la loro volontà di rispettare il codice etico consegnato al sindaco Massimo Cialente all’inizio di gennaio.

L’intento è dimostrare che si vuole collaborare e andare incontro ai residenti che da sempre convivono male con la movida che si riappropria del centro storico. In un nuovo documento ieri i gestori hanno ribadito che «rispetteranno non solo il regolamento comunale che stabilisce l’orario degli esercizi pubblici e le nuove norme sulla somministrazione di bevande e sulla musica». 

Si parte fin da subito con una sorta di “autocontrollo”: i commercianti assumeranno steward e buttafuori che non dovranno occuparsi soltanto di mantenere l’ordine all’interno dei locali, ma anche all’esterno. Dovranno in sostanza segnalare situazioni particolari nelle vicinanze del pub. Sarà loro consentito anche di segnalare al gestore se non sta rispettando, ad esempio, i livelli di decibel consentiti dal regolamento comunale, oppure se ha superato l’orario entro cui la musica può essere tenuta alta; o se ci sono in giro bicchieri o bottiglie di vetro. Una delle regole introdotte dall’amministrazione è, infatti, quella di evitare assolutamente che vadano in giro fuori dei locali bicchieri o contenitori di vetro.

I gestori inoltre s’impegnano, nel loro nuovo documento, a mantenere il decoro cittadino, in particolare intorno ai loro locali. Raccoglieranno carte e bicchieri e manterranno pulite le strade del centro dove si concentra la vita notturna (via Garibaldi, piazza Regina Margherita, via dei Sali, via Castello, il Corso). La sporcizia lasciata in strada, con bottiglie di vino e altre bevande alcoliche abbandonate all’alba anche sotto i portoni dei pochi cittadini rientrati nelle loro case, è uno degli aspetti più contestati dai residenti: «Il centro storico è una latrina» denunciano, infatti, da mesi.

Da parte dei gestori è stata annunciato anche un incontro che si terrà a breve con il prefetto Giovanna Maria Iurato. Un altro incontro si terrà con i residenti. «La nostra intenzione è coabitare senza problemi», spiegano i commercianti.

M.Gianf.

X