IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Incidenti montagna: ventenne romano muore su piste in Abruzzo

Più informazioni su

Ovindoli (L’Aquila), 22 genn 2012 – Un 22enne romano, Edoardo Sigismondi, è morto questo pomeriggio mentre stava sciando sulle piste di Ovindoli, all’inizio dell’Altopiano delle Rocche che separa i massicci del Velino e del Sirente. Secondo la ricostruzione degli agenti di polizia in servizio sul posto, il giovane scendendo dalla pista "Settebello" è andato a schiantarsi contro un cannone sparaneve, regolarmente protetto. È morto sul colpo.

SIULP:MENO AUTO BLU E RIPRISTINO DEI POLIZIOTTI SULLE PISTE DA SCI – «La morte del giovane Edoardo, avvenuta ieri pomeriggio mentre stava sciando sulle piste di Ovindoli, all’inizio dell’Altopiano delle Rocche che separa i massicci del Velino e del Sirente, oltre alla tragedia e al grave lutto che ha colpito la famiglia del giovane romano, ripropone anche la questione della sicurezza sulle piste fortemente pregiudicata, sia dai tagli economici operati alla Polizia di Stato, sia per scelte non condivise e contrastate dal SIULP effettuate dal Dipartimento della P.S.. La celerità e la professionalità con cui i pochi poliziotti rimasti sulle piste da sci di Ovindoli, pur essendo indispensabili alla ricostruzione della dinamica dell’incidente che ha tolto la vita al giovane Edoardo, non sono però state sufficienti a garantire quella prevenzione che,in passato,ha evitato, attraverso la prevenzione e la segnalazione dei gravi rischi che potevano comportare la dislocazione di oggetti, come nel caso in esame, nelle adiacenze delle piste, tragedie analoghe a quella che si è consumata ieri sulle piste di Ovindoli. Ad affermarlo Felice Romano – Segretario Generale del SIULP – che, nell’esprimere la propria vicinanza alla famiglia del giovane per il grave lutto, lancia due allarmi. Il primo è relativo alla scelta del Dipartimento di dimezzare il personale da impiegare nei servizi di prevenzione e soccorso sulle piste da sci, effettuato, anche contro il parere del sindacato, con la scusa dei drastici tagli alle risorse operati negli ultimi due anni dal Governo. Ciò, infatti, stride, ad esempio, con la totale soppressione del Posto di Polizia sulle piste di Campo Imperatore che, è opportuno ricordarlo, è ubicato sulla catena del Gran Sasso che è la vetta più alta di tutto l’Abruzzo. Questa decisione, infatti, è veramente incomprensibile, sottolinea Romano, atteso che questo era, se non l’unico, uno dei pochi uffici che non comportava alcun aggravio di spese per l’impiego del personale. Il secondo è relativo alla sensibilizzazione nei confronti di tutti coloro che si recano sulle piste per sciare; pur essendo, apparentemente un’attività ludica finalizzata al divertimento, vogliamo ricordare che essa è piena di insidie ed estremamente pericolosa. Sono molti infatti i casi in cui la Polizia interveniva per la ricerca degli sciatori che si “smarrivano” tra le montagne o  in soccorso di coloro che, non rispettando le direttive in materia di sicurezza o dei percorsi da seguire, incorrevano in incidenti che senza la presenza dei poliziotti sarebbero potuti sfociare in vere e proprie tragedie come quella di ieri. A questo si aggiunge l’effetto deterrente, per il rispetto delle regole e dei percorsi che la presenza dei poliziotti aveva su tutti i frequentatori delle piste. Ci auguriamo – conclude Romano – che l’incidente di ieri faccia riflettere non solo gli sciatori ma anche coloro che hanno deciso di dimezzare il personale della Polizia di Stato sulle piste per effettuare prevenzione  e soccorso di coloro che ne hanno bisogno. Il SIULP ha sempre ritenuto, e continuerà a sostenerlo, che la sicurezza non è un costo ma un investimento. Per questo chiediamo, chiosa Romano, di tagliare immediatamente qualche auto blu ma di ripristinare contestualmente i soccorsi e la vigilanza sulle piste».

COISP: LA POLIZIA NON EVITA TRAGEDIE, MA AIUTA A PREVENIRLE – «Dopo il dolore che accompagna qualsiasi perdita di vite umane ed in questo caso per il giovane Edoardo Sigismondi, ci sentiamo in dovere di ricordare che la “prevenzione” è l’unica arma a disposizione della collettività per cercare di escludere fatti del genere. La politica dei tagli lineari che da alcuni anni colpisce il settore delle Forze dell’Ordine  provoca situazioni paradossali come la soppressione di oltre 100 poliziotti nei servizi di sicurezza sulle piste da sci. Il COISP – sindacato indipendente di Polizia – non vuole certo fare polemiche sulla morte di un giovane, anzi ci uniamo al dolore della famiglia e gli esprimiamo tutta la nostra vicinanza, ma non possiamo sottrarci al nostro compito, che è quello di denunciare che  “la sicurezza dei cittadini in qualsiasi luogo che siano piste da sci o le strade di qualunque città, non può essere oggetto di risparmi di spesa”. Ovindoli, così  come Campo Felice o l’altopiano delle Rocche ha visto ridotto il personale di Polizia che garantisce i soccorsi e la sicurezza sulle piste da sci, mentre nel silenzio più assoluto Campo Imperatore perla dell’Appennino e stazione sciistica del Capoluogo Regionale ha visto chiudere il Posto di Polizia. Il COISP chiede uno sforzo al Dipartimento affinché reintegri il personale di Polizia nelle predette stazioni sciistiche e rivolge un appello anche alle Istituzioni aquilane affinché si attivino nelle sedi opportune per far sì che i propri cittadini che frequentano Campo Imperatore possano ritornare a contare sulla Polizia di Stato».

Più informazioni su

X