IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Ovindoli, servizio postale: il sindaco Angelosante denuncia tagli e disservizi

Più informazioni su

Ovindoli, 20 gen 2012 – E’ attraverso una lettera inviata alle Poste Italiane, al Ministero per lo Sviluppo Economico e ad alcune importanti società erogatrici di servizi (Enel, Telecom Italia , Equitalia Servizi, Soget,  ConEnergia) che il sindaco Pino Angelosante, palesa il suo disappunto per la cattiva amministrazione e gestione del servizio postale sul territorio di Ovindoli e frazioni.

Un documento dal tono deciso, nonché rammaricato, nel quale il primo cittadino illustra gli innumerevoli disagi perpetrati da Poste Italiane, primo fra tutti  la chiusura di degli uffici postali ubicati nelle frazioni di S. Iona e S. Potito.

«Tale decisione – si legge in una nota del sondaco – per assecondare la necessità della società di contenere costi e spese, noncurante  delle esigenze dei cittadini residenti. La triste realtà che ne consegue vede anziani, disabili e lavoratori  costretti a farsi letteralmente un “viaggio” per raggiungere l’unico ufficio postale funzionante, quello appunto di Ovindoli, ed  espletare le ordinarie pratiche quotidiane.

In conseguenza di tale drastico ridimensionamento  del servizio offerto nella veste di utente e nella veste di sindaco di un Comune a vocazione turistica mi sarei aspettato ed avrei auspicato il perfetto funzionamento dell’unico ufficio rimasto operativo ed anzi un suo  miglioramento e potenziamento, circostanza questa ben lungi dall’essersi verificata».

«Anzi – prosegue Angelosante – alle file chilometriche ed alle continue lamentale di turisti e non, che hanno caratterizzato l’intera estate ovindolese, a causa della lentezza dei pochi operatori, del malfunzionamento dei terminali e di tante altre circostanze ostative ad un corretto servizio, si è aggiunto un episodio letteralmente surreale ed increscioso nello scorso mese di dicembre. Una interruzione vera e propria del servizio di recapito della corrispondenza, che si è protratto ben oltre il periodo delle festività e la fine dell’anno.

Tale disservizio ha fatto sì che molti cittadini titolari di utenze riconducibili alle società erogatrici su citate o, a qualsiasi titolo, debitori delle altre, si siano trovati loro malgrado “morosi”, ricevendo  fatture e moduli per il pagamento ben oltre la data di scadenza prevista negli stessi».

«Evidenti e spiacevoli, in virtù di quanto esposto, i danni non solo materiali, ma altresì morali a cui è stata sottoposta per incuria altrui, la comunità Ovindolese,  apparentemente colpevole di ritardi non intenzionali – conclude – Episodi inaccettabili che spingono il primo cittadino a stigmatizzare senza mezzi termini l’operato di Poste Italiane, nonché a dare rispettiva comunicazione all’Autorità Giudiziaria competente  affinchè si proceda per ipotesi di reato eventualmente ravvisabili nei fatti esposti».

Più informazioni su

X