IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Roma, imperdibile concerto “Escolania di Montserrat” – chiude la mostra su Gaudì in Vaticano

Roma, 13 gen 2012 – La mostra su Gaudì in Vaticano e tutti gli appuntamenti culturali svoltisi nella città di Roma nel segno del grande architetto catalano hanno raggiunto un successo senza eguali fra il pubblico, il mondo Accademico e i media che hanno guardato alle iniziative con ampia ammirazione e grande consenso. L’ultimo atto della importante kermesse culturale si svolgerà domani, venerdì 13 gennaio alle ore 18,00 nella Basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma. L’occasione, imperdibile, è il concerto dell’Escolania di Montserrat, formazione di giovani cantori, di grande tradizione e famosa in tutto il mondo che il pubblico italiano potrà ascoltare solo in questa occasione privilegiata con ingresso gratuito.  La mostra in Vaticano, invece, sarà visitabile fino a domenica 15 gennaio.

L’Escolania di Montserrat, coro composto da bambini fra 9 e 13 anni dell’Abbazia di Montserrat, è diretto dal Maestro Bernat Vivancos, e offrirà un raffinato repertorio musicale con composizioni del P. Àngel Rodamilans (1874-1936) e di Francesc Civil (1895-1990). L’evento serà presieduto dal Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato Vaticano, e dal Cardinale di Barcellona, Lluís Martinez Sistach. È prevista la presenza di altri cardinali, rappresentanti della Curia, e delle autorità civili. Alle 17.15, il Cardinale di Barcellona, Lluis Martínez Sistach, terrà una conferenza  stampa nella stessa Basilica di Santa Maria in Tratevere allo scopo di valutare il significato di questa mostra e di tutti gli atti accademici  organizzati per la Fundación Sagrada Familia, la Fundación Joan Maragall e AC/E Acción Cultural Española, sotto gli auspici del Pontificio Consiglio per la Cultura.

IL CORO DI VOCI BIANCHE “ESCOLANIA DE MONTSERRAT”

L’Escolania de Montserrat è una delle scuole di musica più antiche d’Europa e ancora attive. Già nel XIII secolo il monastero benedettino e santuario mariano di Montserrat contava un piccolo gruppo di cantori che, attraverso la pratica del canto e di diversi strumenti musicali, erano al servizio di questo luogo sacro. Nel corso dei secoli, la scuola musicale di Montserrat ha formato compositori ed interpreti di rilievo fra cui: Joan Cererols, Anselm Viola, Narcís Casanovas, Antoni Soler, Ferran Sor e Anselm Ferrer.

Sotto la direzione e il prolungato insegnamento (1953-1997) del Padre Ireneu Segarra, il coro di voci bianche de l’Escolania ha inciso oltre un centinaio di dischi ottenendo alcuni fra i più prestigiosi premi internazionali di musica. Il coro ha collaborato con diverse orchestre di fama internazionale e sotto la conduzione di celebri direttori  fra i quali spiccano: Mstislav Rostropovich, Jordi Savall e Sir Neville Marriner; si è esibito in considerevoli scenari al mondo come il Gran Teatre del Liceu di Barcellona, la cattedrale di Mosca, la Gran Sala della Filarmonica di San Pietroburgo e, in occasione della mostra «Germinabit», in un concerto presso la Cancelleria del Vaticano; ha realizzato diverse tournée in vari paesi tra cui: Belgio, Paesi Bassi, Porto Rico, Ungheria, Giappone, Israele e Canada.

Si ricordano, inoltre, i numerosi dischi incisi dall’Escolania, sia con altre formazioni musicali sia con l’accompagnamento di organo o pianoforte. Attualmente l’Escolania de Montserrat, diretta da Bernat Vivancos, è formata da più di cinquanta giovani cantori, tra i nove e quattordici anni, provenienti da tutta la Catalogna ed anche dal resto dei territori di lingua madre catalana.

X