IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Mannoia: «L’Aquila è un coscio da spolpare, è una città depredata»

L’Aquila, 13 gen 2012 – Avrebbero voluto lasciare da parte le polemiche proprio nel giorno del taglio del nastro del blocco didattico “Coppito zero” realizzato anche grazie ai fondi di “Amiche per l’Abruzzo” pari a un milione 300 mila euro; invece durante la cerimonia, davanti ad una folta platea di studenti e  sollecitata dalla domanda di una cronista, Fiorella Mannoia ha sbottato: «Questa è una città depredata; è un coscio da spolpare»  ha detto l’artista, poi ha ammesso che L’Aquila è «l’esempio della sconfitta della politica».

«Il pesce puzza dalla testa – ha aggiunto – Intorno a questa città ci sono stati degli scandali vergognosi. Questo non è un Paese in crisi, ma è un Paese corrotto. C’era gente che rideva la notte del terremoto». «Questi governi speculano sul terremoto così come sulle guerra – ha aggiunto Gianna Nannini – Quelli che ridevano li avrei uccisi di persona».

Poi ha chiesto a bruciapelo: «Dove sono finiti i soldi destinati dal conservatorio raccolto con i cd “Domani”? Noi siamo state fortunate visto che oggi inauguriamo una struttura dedicata ai ragazzi realizzata anche grazie alla nostra raccolta». «I vostri soldi sono stati spesi bene – ha rassicurato il provveditore alle Opere pubbliche, Donato Carlea – Questo polo didattico è stato realizzato al costo di 1.270 euro al metro quadrato».

La struttura, come sottolineato dal rettore dell’Ateneo  Ferdindando Di Orio,  sarà al servizio delle quattro facoltà di Coppito: Medicina, Biotecnologie, Psicologia e Scienze. Non ospiterà i ragazzi di Lettere, come chiesti dall’Udu e come ribadito con un eloquente striscione nel corso della cerimonia, perchè entro il 2012 l’intera facoltà umanistica sarà ospitata nell’immobile dell’ex ospedale san Salvatore. Dopo tre ditte fallite, quella che sta mandando avanti il cantiere dovrebbe concludere gli interventi nel mese di agosto. Entro l’anno dunque la sede sarà operativa. Le tamponature sono pronte; si stanno mettendo a punto gli impianti.

Tornando al nuovo polo didattico invece, la palazzina, completamente anti sismica, ospiterà dieci aule da 46 posti ciascuna,  2 aule da cento posti e una sala convegni da 298 posti per una superficie complessiva di 3.200 metri quadrati. La struttura è costata 4 milioni 300 mila euro. Prima del taglio del nostro le due cantanti sono state invitate da un paio di rappresentati di “Insieme per Camarda” a fare un sopralluogo sul sito dove dovrebbe sorgere il centro polifunzionale sempre finanziato da Amiche per l’Abruzzo, il cui iter burocratico si era impantanato . La Nannini ha ricordato di quanto si fosse arrabbiata con il sindaco per questa situazione. A febbraio tuttavia dovrebbe arrivare l’anelata concessione edilizia.

Ha colpito e continua a colpire l’affetto mostrato dalle due artiste per L’aquila e per i suoi abitanti. «La solidarietà è tale se si porta fino in fondo – ha sottolineato Mannoia – L’università è il motore dell’Aquila». «Ci siamo schierate oltre la televisione  – ha puntualizzato Gianna Nannini – che diceva le solite bugie. Non abbiamo aiutato per farci belle». I proventi della canzone “Donne D’Onna” saranno destinati a mantenere le spese di gestione dei  container del polo di Coppito. Ulteriori 700 mila euro saranno destinati all’aula magna. Il sindaco Massimo Cialente ha riferito alle due cantanti che è nella fase di appalto la scuola de Amicis, sottolineando l’impegno del comune dell’Aquila a sostenere l’università dell’Aquila: «Il 30% degli alloggi del progetto Case che si libereranno – ha ricordato –  sarà destinato agli studenti». (A.Cal)

X