IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Arischia, Serpetti: «Ancora una volta questo Sindaco non smette di stupire»

Più informazioni su

L’Aquila, 5 genn 2012 – «Ancora una volta questo sindaco non smette di stupire». Queste le parole di Elia Serpetti, presidente dell’amministrazione Beni Separati di Arischia che torna a puntualizzare le sue precedenti dichiarazioni «sull’immobilità di sindaco e amministrazione» e sulla situazione di assoluta emergenza in cui versa la frazione di Arischia a tre anni dal terremoto.

«Forse è stato distratto da altro – prosegue Serpetti – ma non si è accorto che il sottoscritto non ha fatto altro che ripetere e convalidare quanto detto dal Commissario della Circoscrizione di Arischia che guardacaso, è stato da egli nominato. Semplicemente come cittadino di Arischia mi sono permesso di dire quanto ritenuto valido; possa egli smentire il fatto che il super Presidente di Asm Spa Fabiani, ha sbandierato ai quattro  venti che sarebbe partito con la selezione delle macerie ad Arischia».

«Neanche a dirlo, smentito clamorosamente da un suo uomo. E forse il Sindaco non è a conoscenza che hanno chiuso da mesi l’ufficio Postale di Arischia – spiega ancora Serpetti – provocando danni ingenti alla popolazione, specialmente anziana che deve recarsi con mille difficoltà a Pizzoli; invitiamo lo stesso ad unirsi a noi nella prossima manifestazione al fine di sensibilizzare i vertici di Poste Italiane a tornare sui propri passi. Comunque non si tratta di politica, ma non è possibile, caro Sindaco, che non si possa esprimere la propria idea perché forse, si possa avere un altro pensiero politico.ritengo che siano finiti i tempi in cui era vietato poter dire “la propria”».

«Qui si va tutti uniti per la cittedinanza e non ha importanza il colore politico – conclude – Non mi sembra che il Sindaco si sia mai tirato indietro ad esprimersi; allora, se è valido il suo motto, egli stesso non avrebbe dovuto e potuto dire nulla quando non era ancora primo cittadino. Questa è la civile convivenza».

Più informazioni su

X