L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Coronavirus, solidarietà e donazioni degli imprenditori aquilani

Coronavirus, non si ferma la solidarietà in Abruzzo in favore degli ospedali. Tante le donazioni e le iniziative benefiche di imprenditori e istituzioni

Il Coronavirus all’Aquila ha fatto scattare una gara di solidarietà tra associazioni, imprenditori, enti per sostenere soprattutto l’ospedale aquilano.

L’ultima in ordine di tempo è quella dell’associazione L’Aquila per la vita Onlus che ha deciso di donare 200 mila euro a favore dell’emergenza Coronavirus. Nello specifico verranno supportati i reparti di Malattie infettive e di Anestesia Rianimazione con progetti specifici.

“Un modo per dimostrare vicinanza al lavoro di medici e infermieri in prima linea e per sollecitare altre realtà cittadine affinché facciano uno sforzo di solidarietà in un momento drammatico per il nostro Paese, per la nostra regione e per L’Aquila”, dice Giorgio paravano, presidente dell’associazione L’Aquila per la vita.

L’imprenditore Marco Reato ha donato dei filtri di ultima generazione per sanificare l’aria dell’ospedale San Salvatore; un’operazione fondamentale in tempo di Coronavirus per evitare la diffusione del contagio.

L’assessore regionale Guido Liris ha ringraziato Reato:”Grazie Marco per l’importante gesto di altruismo, di vicinanza e solidarietà.”

Poi c’è l’associazione Vado Onlus, che ha aiutato nell’operazione “Covid Hospital G8 – ASL 01 Abruzzo” che ha portato alla creazione di 6 posti in più in Terapia intensiva all’ospedale dell’Aquila, attrezzati dentro le strutture dismesse del G8, per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Un’operazione realizzata in tempi record in un momento delicato, come ha ricordato anche il primario dell’unità complessa di Rianimazione del San Salvatore, Franco Marinangeli, con un post sul suo profilo Facebook.

“Con 5 ore di anticipo rispetto a quanto programmato si è conclusa l’operazione Covid Hospital G8 – ASL 01 Abruzzo. Come promesso, in pochi giorni la nostra città si è dotata di 6 posti letto di Terapia Intensiva a pressione negativa dedicati specificatamente a pazienti COVID, lontano dal corpo centrale dell’ospedale, che va assolutamente preservato da questa patologia devastante. Grazie a chi ha creduto di potercela fare prima dell’arrivo dell’onda. Grazie alle Istituzioni politiche (Regione e Comune), estremamente presenti e collaborative, grazie alla Direzione Generale e Sanitaria della ASL, grazie all’Ufficio Tecnico, grazie all’Ufficio di Ingegneria clinica e alla Direzione Sanitaria dell’ospedale; grazie al Responsabile dell Rianimazione, dott. Antonello Ciccone, a cui mi lega una lunga e profonda amicizia, che ha condiviso con me la responsabilità del progetto; grazie ai miei collaboratori Anestesisti Rianimatori e agli specializzandi della scuola di Anestesia e Rianimazione, che saranno in prima linea a garantire il meglio delle cure ai pazienti. Grazie ai Colleghi Infettivologi, con cui abbiamo condiviso e condividiamo questa guerra. Grazie al personale infermieristico della rianimazione e del blocco operatorio… commoventi nella partecipazione. Grazie all’Associazione VADo Onlus, che ha dato un importante sostegno economico. Grazie ad alcune persone, tecnici e professionisti, che oggi sono spuntate dal nulla a prestare la loro opera gratuita, chiamate all’alba e accorse senza indugiare, e che voglio citare… Edoardo Bologna, Rubino de Paolis, Piero Bianchi, Giovanni Cappelli

È EVIDENTE che siete, siamo una comunità con un grande cuore…. L’edificio G8 è il simbolo di una città ferita 11 anni fa …ma anche il simbolo di una città che sa combattere. Sono certo che saremo in grado, insieme, ciascuno facendo del proprio meglio, di vincere questa guerra. Non abbassiamo la guardia … a voi il rispetto delle regole, a noi l’impegno di onorare le promesse. Da domani inizia la fase B, il completamento dell’unità di terapia subintensiva di 24 posti letto idonei anche, all’occorrenza, alla terapia intensiva.. un’altra sfida possibile … In bocca al lupo a tutti..e senso di responsabilità..”

Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di L’Aquila e Sulmona ha deliberato l’erogazione di un contributo di 10mila euro all’Associazione Va.Do. di L’Aquila, finalizzato a contrastare l’emergenza sanitaria Coronavirus.

Sempre per sostenere Terapia intensiva, il vero nodo cruciale di questa pandemia Coronavirus, si è mosso anche il Team Abruzzo: blogger e influencer abruzzesi che grazie alla tecnologia e al tam tam sui social, ha raccolto in pochi giorni oltre 100 mila euro.

Ancora i giovani commercialisti di Avezzano hanno preso posizione nel delicato momento causato dalla diffusione del Coronavirus e  hanno rifornito l’ospedale di tute e occhiali protettivi.

La Fondazione Carispaq inoltre ha deliberato un primo stanziamento di 150 mila euro a favore della Asl L’Aquila, Avezzano, Sulmona da destinare ad interventi urgenti e per il potenziamento della struttura di terapia intensiva di riferimento per la gestione dell’emergenza Coronavirus.

Non si sono tirati indietro nemmeno i Laboratori nazionali del Gran Sasso che hanno donato al Comune dell’Aquila 300 mascherine del tipo senza filtro, 800 paia di diverse tipologie di guanti, 60 tute, 350 copriscarpe e 200 cuffie. Tutto il materiale è stato consegnato personalmente dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, a Eugenio Ciacco, responsabile dell’Unità operativa complessa-Servizio aziendale del farmaco dell’ospedale San Salvatore.

X