L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Giovanni Pinelli e l’arte del cornetto, da Pescorocchiano a L’Aquila

Giovanni Pinelli, artigiano del dolce. Da Roma a Pescorocchiano, dove nel 1980 ha aperto il suo laboratorio, "La Pastarella". I suoi cornetti sono arrivati anche a L'Aquila.

Un maestro del dolce, soprattutto del cornetto. Non è un caso se “La Pastarella”, prima di essere il nome della pasticceria di Giovanni Pinelli, è stato il suo soprannome.

Giovanni Pinelli è il protagonista di una bella storia, dolce come le sue creazioni.

“La Pastarella”…così tanti anni fa lo chiamavano gli amici, quando lui e suo padre, Luciano, avevano una pasticceria al Tuscolano, uno dei quartieri più noti di Roma, dove Luciano e i suoi fratelli erano arrivati dalla Toscana e di pasticcerie ne avevano aperte ben tre. “A San Giuseppe friggevamo bignè per due notti e due giorni”, ricorda Giovanni di quel periodo.

Giovanni Pinelli

Alla fine degli anni ’80 l’affitto del locale comincia a essere problematico e allora Giovanni, che intanto ha sposato Pina, e ha un figlio, Gabriele, decide di trasferirsi a Sant’ Elpidio di Pescorocchiano, dove c’è la casa natale di sua madre, Nunziatina.
Detto, fatto: a ottobre del 1990 apre il suo piccolo laboratorio. Certo all’inizio non è facile, ma con Pina al suo fianco superano le difficoltà, mettono al mondo altri due figli, Luca e Martina, e, forti dell’esperienza maturata a fianco del padre “maestro”, usando sempre il suo ricettario che Giovanni ancora conserva, pian piano conquistano tanti clienti: i bar della zona fino a L’Aquila.

ricettario Giovanni Pinelli
Giovanni Pinelli
Giovanni Pinelli

I prodotti sono tanti e tutti fatti in modo artigianale: crostate, biscotti, pasticcini, ciavattoni, cannoli, bombe, ciambelle, bignè, tozzetti, pan di spagna per zuccotti, zuppe inglesi, torte farcite, diplomatici e chissà quante altre preparazioni! Ma il must di Giovanni è il cornetto, “bello, sfogliato, tirato a mano, come si faceva a Roma”: per questo i suoi cornetti non sono tutti uguali, “uno è più grande uno più piccolo”.

Giovanni Pinelli
Giovanni Pinelli
Giovanni Pinelli

La giornata di Giovanni è lunga e faticosa. Si sveglia alle due e mezzo, scende in laboratorio dove gli impasti, fatti la sera prima, sono lievitati, tira a mano i cornetti e intanto che lievitano, frigge bombe, ciambelle e cannoli, a questo punto non resta che infornare i cornetti e aspettare che cuociano. Finalmente tutto è pronto per confezionare i “cassetti”, le scatole di cartone per le consegne e alle cinque partire per il giro dei tantissimi bar. Alle otto e mezzo Giovanni è di ritorno e può conquistare il letto per il meritato riposo.

Nonostante la fatica e i sacrifici dice: “Tre bei figli, una bella moglie, più di questo che vuoi dalla vita?”. E ora la sua aspirazione è andare in pensione, godersi il nipote in arrivo, e lasciare il testimone a Luca. Sì, perchè intanto Luca e Gabriele “hanno voluto seguire le tracce del padre” e sono diventati entrambi pasticceri, mentre Martina studia all’Istituto Alberghiero, ma non pasticceria,”perchè”, dice, “ho papà che è il mio maestro”.

Giovanni Pinelli
Giovanni Pinelli

Un maestro artigiano, esperto pasticcere, questo è Giovanni anche per i suoi figli. Di più davvero non si può volere.

 

CNA Rieti

X