L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Sport

Federico Dionisi, riconoscimento al merito sportivo dal Consiglio comunale

Il riconoscimento al merito sportivo per l'arbitro aquilano Federico Dionisi e tutti gli altri provvedimenti approvati in Consiglio comunale.

Il Consiglio comunale approva la delibera per il riconoscimento al merito sportivo all’arbitro aquilano Federico Dionisi per aver ottenuto importanti risultati fino a dirigere incontri di serie A.

“Il Consiglio Comunale dell’Aquila, nella seduta del 27 novembre, ha approvato all’unanimità la delibera per il riconoscimento al merito sportivo a Federico Dionisi in quanto primo arbitro di serie A di calcio appartenente alla Sezione Arbitri dell’Aquila“. Lo annuncia il consigliere comunale Giancarlo Della Pelle, che spiega: “La delibera è a firma dell’assessore allo sport del Comune dell’Aquila l’ing Vittorio Fabrizi, fortemente voluta dal sottoscritto e condivisa anche dal consigliere Paolo Romano. Nei giorni scorsi l’arbitro Federico Dionisi è stato ricevuto ufficialmente, assieme al Presidente della Sezione Arbitri dell’Aquila l’Avv. Marco Ferrone, dal Sindaco dell’Aquila Perluigi Biondi e dal sottoscritto per le congratulazioni e gli auguri a nome dall’Amministrazione Comunale e della città. Il risultato di Dionisi è per noi motivo di vanto e per questo oggi il Consiglio Comunale ha inteso conferirgli il più alto riconoscimento che la municipalità possa conferire ad uno sportivo. Infatti il regolamento dello sport del nostro Comune prevede questo genere di riconoscimento nonchè l’iscrizione nell’apposito Registro comunale degli atleti che si siano contraddistinti per meriti sportivi”.

Per quanto riguarda gli altri lavori, il Consiglio comunale dell’Aquila ha approvato all’unanimità un ordine del giorno proposto dal Paolo Romano (Il Passo Possibile), con il quale vengono impegnati il sindaco e la giunta a mettere in campo “ulteriori azioni in favore delle fragilità sociali della città”, in graduatoria nell’avviso pubblico emanato dall’amministrazione per l’assegnazione degli alloggi Case e Map “mettendo nella disponibilità dello stesso avviso pubblico gli immobili in questione” non assegnati in seguito ad altri provvedimenti simili approvati dalla giunta. Con un emendamento al documento (primo firmatario lo stesso Paolo Romano, condiviso dall’assessore alle Politiche sociali, Francesco Cristiano Bignotti), è stata inoltre prevista la rideterminazione dei canoni di locazione degli inquilini Ater che attualmente dimorano dimorano in Case e Map, attraverso apposita convenzione con la stessa Ater. Viene inoltre richiesto alla Regione una misura finanziaria a compensazione delle minori entrate che avrà il Comune in seguito a questa compensazione. Il documento chiede inoltre che venga rideterminato anche il canone di affitto per gli inquilini delle case di edilizia pubblica residenziale del Comune che oggi vivono in Case e Map. L’amministrazione viene inoltre invitata a concedere immobili degli stessi complessi post sisma 2009 al Centro Antiviolenza dell’Aquila, per la realizzazione di una casa rifugio in emergenza per le donne che subiscono violenza maschile.

Successivamente, l’aula ha approvato (17 voti a favore, 7 astenuti) l’aggiornamento degli statuti delle società partecipate del Comune. “Questi aggiornamenti – ha spiegato l’assessore alle Partecipate, Fausta Bergamotto, illustrando il provvedimento – si è reso necessario in seguito ad alcuni rilievi formulati dall’Autorità nazionale anticorruzione, con la quale abbiamo avuto anche degli incontri, che ha evidenziato la necessità di puntualizzare le attività di controllo analogo che l’Ente proprietario è tenuto a svolgere sull’attività delle società medesime. Per il Centro Turistico del Gran Sasso, inoltre, la stessa Anac ha ritenuto che l’oggetto sociale fosse eccessivamente ampio e con materie non riconducibili alla normativa attuale sulle società in house”. Per questa ragione, votando un emendamento proposto dal Sindaco Biondi, il Consiglio ha ricondotto le attività di gestione del Centro turistico riguardanti le strutture ricettive e quelle di carattere turistico, sportivo, naturalistico e ricreativo a quella principale relativa alla gestione degli impianti di risalita.

Con 15 voti a favore, 10 contrari e 1 astensione, il Consiglio comunale ha dato poi il via libera alla quarta variazione del bilancio di previsione 2019/2012. Una manovra da circa 5 milioni di euro, di cui 3 milioni e mezzo attraverso il parziale svincolo dell’avanzo di amministrazione. “Questa variazione – ha spiegato l’assessore al Bilancio, il vice sindaco Raffaele Daniele, che ha illustrato la delibera – si è resa necessaria per sistemare alcune posizioni e per concludere il discorso legato allo strumento finanziario 2019-2021, visto che riusciremo a portare in aula il bilancio 2020-2022 entro il 31 dicembre, senza le proroghe che vengono normalmente concesse agli enti locali. Un fatto storico per il nostro Comune. Per quanto riguarda le posizioni che vengono regolarizzate con la variazione – ha proseguito Daniele – viene messa la parola fine alla vicenda del mutuo con il credito sportivo per gli impianti di Santa Barbara. Lo stanziamento di circa 1 milione e 800 mila a carico dell’Ente, infatti, ci permette chiudere questa partita e di aprire le porte a una serena gara per l’affidamento della nuova gestione. Valuteremo poi se applicare il diritto di rivalsa nei confronti di Verdeaqua Smile, la società che ha riconsegnato le chiavi della struttura lo scorso giugno, che aveva in carico il mutuo stesso. Inoltre, con questa delibera, si procedere alla regolarizzazione contabile di azioni esecutive subite dal Comune e si vanno a finanziare attività di carattere sociale e le iniziative per le prossime festività natalizie”.

X