L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Nuovo Centro Commerciale ad Avezzano, pronto per Natale

Aprirà prima di Natale il nuovo centro commerciale di Avezzano. Previsti 100 posti di lavoro. Tutti i dettagli.

AVEZZANO – Aprirà il 7 dicembre il nuovo centro commerciale ad Avezzano.

Il nuovo centro commerciale, il cui progetto è cambiato più volte negli anni, sorgerà in un’unica struttura di 14mila metri quadrati. Al suo interno verrà trasferito il Globo – negozio di abbigliamento, calzature e accessori vari, di proprietà della stessa Cosmo – e altri 5 partner commerciali, non ancora noti. Previsti circa 100 posti di lavoro.

Proseguono i lavori alla struttura, ormai in dirittura d’arrivo, sotto la supervisione del progettista Domenico Ruscitti. Secondo il programma della Cosmo spa, la multinazionale proprietaria della nuova attività, il centro commerciale sarà pronto tra un mese esatto. L’inaugurazione, però, potrebbe anche slittare a metà dicembre. 

Tra le pratiche da sbrigare, principalmente, restano quelle relative alla cessione delle aree per le opere di urbanizzazione, da formalizzare davanti al notaio. Incombenze che potrebbero portare ad un prolungamento dei tempi. Il nuovo centro commerciale, tuttavia, non è mai stato così vicino e sarà pronto prima di Natale.

Il cantiere procede, con la ditta, incaricata dei lavori, impegnata tutti i giorni sulla nuova area commerciale, alle porte della Tiburtina. 

nuovo centro commerciale
nuovo centro commerciale

Nuovo centro commerciale, la storia

Risale a più di dieci anni fa il progetto relativo alla costruzione di un nuovo centro commerciale ad Avezzano. La multinazionale teramana Cosmo spa secondo il progetto iniziale avrebbe dovuto costruire la struttura su un’area complessiva di 19mila metri quadrati. Era il 2011 quando la Cosmo riuscì ad ottenere le autorizzazioni per poter procedere alla costruzione. Senza, però, quella della Regione Abruzzo. 

L’ostacolo da superare era costituito da una Legge, la numero 17 del 2010, che vietava la realizzazione di nuovi centri commerciali, per non danneggiare i piccoli negozi. Da lì il passo indietro della Cosmo, sul progetto e non sull’intenzione di costruire. L’ipotesi progettuale originaria fu modificata in più punti, ad incominciare dall’area di costruzione, diventata di 14mila metri quadrati. Il nuovo progetto, strutturato su quattro edifici di 3mila metri quadri ciascuno, su approvato in consiglio comunale nel 2016.

Solo a gennaio 2017 arriva la sentenza del Tar, che dà ragione alla Cosmo. L’azienda mantiene inalterata la superficie di edificazione, pur variando nuovamente il progetto. Si torna, infatti, all’idea iniziale di un’unica area commerciale. 

X