L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

L’Aquila, furto notturno al Teatro Dedalus

Furto nella sede dell'associazione Dedalus. Indaga la Polizia. I dettagli del blitz notturno.

Furto ai danni della sede del Teatro Dedalus, blitz notturno a Sassa Scalo.

Amara scoperta per la responsabile dell’associazione culturale Dedalus, teatro-laboratorio, Manuela Del Beato, che domenica mattina si è recata presso la sede di Sassa Scalo, dove ignoti si erano introdotti nella notte, portando a segno un furto di materiale di vario genere e danneggiando le scenografie.

Secondo una prima ricostruzione, i ladri si sono introdotti nella struttura comunale, affidata al Teatro Dedalus dopo i danni del terremoto alla struttura di via Pretatti, da una finestra posteriore. I malintenzionati hanno rotto il vetro della finestra e sono entrati all’interno, cercando materiale da rubare. Sono stati sottratti computer, casse audio, materiale elettrico e perfino un vaporetto per pulire. Quello che non è stato rubato, come le scenografie e materiale scenico, è stato pesantemente danneggiato dagli stessi ladri, nella foga della ricerca di oggetti da rubare. L’episodio è stato denunciato alla Polizia di Stato, che ha effettuato i rilievi del caso per avviare le indagini.

«La cosa terribile – ha sottolineato Manuela Del Beato al microfono del Capoluogo.it – è che le periferie sono abbandonate, sono diventate dormitori in cui accade di tutto. La presenza dell’associazione che rappresento vuole essere anche un incentivo culturale per queste periferie. È importante offrire attività formative, soprattutto per i giovani, però qui è molto dura. Risulta difficile anche coinvolgere le persone del posto, sarebbe necessaria una strategia culturale di base per le periferie, studiata a tavolino, per entrare nel tessuto sociale e prevenire comportamenti di microcriminalità, bullismo e quant’altro. Occorre promuovere la cittadinanza attiva, solo che tutto questo è lasciato molto al volontariato. Se poi accadono episodi come questo, naturalmente, è difficile ripartire. Purtroppo lavoriamo con molta difficoltà».

 

X