L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Barbara Morgante, la top manager per colmare il deficit infrastrutturale

Incontro a Palazzo Silone per la presentazione di Barbara Morgante, nuovo direttore generale della Regione Abruzzo.

L’AQUILA – Presentazione ufficiale per Barbara Morgante, nuovo direttore generale della Regione Abruzzo.

«La Regione Abruzzo ha dimostrato di saper attrarre molte professionalità, tra queste la scelta è ricaduta su Barbara Morgante, in quanto considero le sue competenze come valore aggiunto in grado di colmare il deficit infrastrutturale della nostra Regione e di aiutarci a smuovere quei meccanismi arrugginiti da ormai troppi anni. Scontiamo un ritardo sulle infrastrutture di quasi 50 anni, certo non si può colmare in 5 anni, ma le competenze di una top manager che ha acquisito esperienze in molte grandi aziende internazionali (tra cui Trenitalia, di cui è stata amministratrice delegata, ndr) rappresentano un valore aggiunto in grado di dare la spinta che serve alla nostra regione». Così il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, nell’incontro con la stampa per la presentazione del nuovo direttore generale, Barbara Morgante, alla presenza dell’assessore Guido Liris. Marsilio ha tenuto anche a ricordare che con la dottoressa Morgante, salgono a 4 (contro l’unica del precendete governo regionale) le donne in posizione apicale in Regione Abruzzo, «un segnale di apertura, inclusione e modernità».

morgante marsilio liris

Da parte sua, la dottoressa Morgante ha spiegato i motivi che l’hanno portata a presentare la propria candidatura, «nonostante a livello retributivo la Regione Abruzzo ha molti competitor». Tra le motivazioni, una di carattere professionale e una di carattere affettivo: «Nonostante l’età anagrafica ho ancora voglia di imparare. Porterò le mie competenze e chiederò, con umiltà, quando ci sarà da chiedere. Ho presentato la mia candidatura per ampliare la mia esperienza e metterla a disposizione della regione della mia famiglia». Da qui la motivazione affettiva: scuole a Chieti, università, master e lavoro a Roma, Barbara Morgante dall’età di 19 anni è sostanzialmente fuori dall’Abruzzo, dove tornava solo saltuariamente dalla famiglia. «Naturalmente ha pesato il mio attaccamento all’Abruzzo. Sono orgogliosa di aver raggiunto posizioni tali che oggi mi permettono di lavorare per la mia terra».

morgante marsilio liris

X