L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Sport

Calcio a 5, Free Time L’Aquila porta in città 2 delle squadre più forti d’Italia

Il presidente Fasciani traccia un bilancio positivo nell'ambito del torneo pre-campionato con due prestigiose società sportive italiane militanti in serie A: l'Acqua e sapone Montesilvano e il Real Rieti.

Calcio a cinque: serie B, Free Time L’Aquila porta in città due delle squadre più forti d’Italia

Presidente Fasciani: “Vetrina importante. In campo contro l’Acqua e sapone Montesilvano e il Real Rieti abbiamo dimostrato ottime capacità”

“Abbiamo reso L’Aquila una vetrina importante portando in città due delle squadre più forti d’Italia, e lo abbiamo fatto dando dimostrazione di ottime capacità”.

Così Marco Fasciani, presidente dell’Asd Free Time L’Aquila, alla vigilia del campionato di serie B di calcio a 5, che prenderà il via il 5 ottobre prossimo, traccia un bilancio positivo nell’ambito del torneo pre-campionato con due prestigiose società sportive italiane militanti in serie A: l’Acqua e sapone Montesilvano e il Real Rieti.

“Due amichevoli di un’importanza infinita – spiega Fasciani – che hanno puntato i riflettori su uno sport meritevole di maggiore attenzione e visibilità. Motivo d’orgoglio, sotto questo aspetto, è stata la grande partecipazione di pubblico e la calorosa accoglienza, particolarmente apprezzata dalle squadre ospitate che si sono complimentate per l’organizzazione. E per questo non possiamo che ringraziare per la disponibilità l’Amministrazione comunale e l’area sport di Monticchio”.

Il tutto in una città alle prese con le celebrazioni della 725esima Perdonanza celestinana, nell’anno del decennale del terremoto.

Gli incontri si sono volti infatti nell’Area sport di Monticchio, il 29 agosto con l’Acqua e Sapone Montesilvano, squadra vice-campione d’Italia sconfitta in finale ai supplementari dal Pesaro (risultato 2-6), e il 30 agosto con il Real Rieti, squadra terza classificata in campionato, vincitrice Coppa di divisione 2019, e del Winter Cup 2016 (risultato 3-9).

Intanto cresce l’attesa per il campionato in cui l’ Asd Free Time L’Aquila si troverà ad affrontare uno dei gironi più difficili, il girone G, dove militano le squadre di Abruzzo, Molise e Puglia, e dove nella prima giornata affronterà le Aquile Molfetta, in casa.

L’Asd Free Time L’Aquila si è presentata nei giorni scorsi nella sala Rivera di Palazzo Fibbioni, sede del comune del capoluogo d’Abruzzo, alla presenza del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, del consigliere comunale Luca Rocci, del presidente del sodalizio Marco Fasciani, e del direttore generale Lucio Rosa.

Nel corso della conferenza stampa è stata presentata la squadra partendo dai nuovi acquisti, come i portoghesi Adriano Mendes e Fabio Correia, il portiere italo brasiliano Rafael Giannantonio, e ancora Marco D’Onofrio e Stefano Fantauzzi. Giocatori di grande spessore,
che daranno valore aggiunto alla rosa che ha come punti fermi Giuseppe Cavalli, Fabio Caggiano, Fabrizio Giannandrea Fabiano Compagnoni, William Bravoco, Roberto Litterio, Francesco Masciocco, Mattia Piccirilli, e Fabio Caggiano.
“In queste due amichevoli abbiamo dimostrato di essere un’ottima squadra e che, con un paio di rinforzi, potremmo ulteriormente alzare l’asticella e la qualità di gioco, anche all’interno di uno dei gironi più duri della serie B. Grazie all’impeccabile lavoro di mister Patriarca abbiamo dato dimostrazione del nostro impegno e, anche per questo, siamo stati ripagati dalla presenza di centinaia di spettatori”, conclude il presidente.

Si apre quindi nel migliore dei modi una stagione che vedrà l’Asd Free Time L’Aquila affrontare grandi squadre, e si apre con un unico ostacolo, quello del campo omologato dove poter ospitare le partite. Due le opzioni, l’Area sport di Monticchio, oppure il palazzetto Papa Giovanni XXIII nella frazione di Paganica, realizzato con le donazioni post sismiche, di proprietà della Curia, inaugurato il primo settembre dal vescovo dell’Aquila, il cardinale Giuseppe Petrocchi. Una questione che dovrà essere necessariamente risolta a stretto giro.

X