L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Perdonanza: Il Volo incanta L’Aquila e la fa cantare

"Siamo qui con voi per la rinascita", Il Volo incanta e fa cantare L'Aquila durante il concerto per la Perdonanza.

Un successo, scrosci di applausi e tantissima gente che ballava e cantava ieri sera durante il concerto del trio Il Volo organizzato al Piazzale del Perdono per la 725esima Perdonanza Celestiniana. Il 28 agosto dalle 15:30 la lunga diretta Live del Corteo Storico su IlCapoluogo.it.

Una Perdonanza anche solidale, dal momento che a differenza di altri eventi il concerto del Volo aveva un prezzo simbolico per i posti a sedere.

Tutto esaurito comunque e sul Piazzale del Perdono era tanta la gente che per quasi due ore ha cantato seguendo le voci del trio composto da Gianluca Ginoble, abruzzese, Ignazio Boschetto e Piero Barone.

Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019
Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019

I ragazzi si sono detti “onorati per essere qui, davanti alla basilica di Collemaggio, sorpresi di aver trovato una città bellissima che sta rinascendo”.

Non erano mai stati all’Aquila e hanno detto di averla trovata “bellissima”. Boschetto e Barone hanno fatto anche un giro in centro e un pranzo al volo.

Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019
Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019

Effettivamente dietro il palco la facciata della Basilica di Collemaggio, illuminata ad arte, ha creato un momento suggestivo importante che ha colpito non solo gli addetti ai lavori, che forse all’Aquila non c’erano mai stati, ma  anche chi di questa città conosce bene il prima e il dopo, il pre e post 6 aprile 2009….

E i 3 ragazzi de Il Volo hanno saputo toccare le corde dell’anima, quelle più profonde, con la loro voce profonda e potente.

Perchè non sono solo 3 cantanti, ma 3 tenori giovanissimi che hanno già alle spalle quasi 10 anni di carriera, a dispetto della giovanissima età.

Canzoni che hanno emozionato, hanno fatto sorridere e anche ballare.

Standing ovation infatti e tanta allegria sulle note di “Volare” di Domenico Modugno; un pubblico impazzito ha seguito i ragazzi che si sono anche avvicinati per stringere le mani dei tanti ragazzini che cercavano di stare più vicino possibile ai loro beniamini.

Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019
Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019

“Noi siamo con voi per la rinascita – hanno detto dal palco – e con la Perdonanza vogliamo celebrare con voi la musica, che rappresenta un perfetto connubio di buoni sentimenti”.

Ginoble, originario di Roseto degli Abruzzi, ha ricordato anche il periodo dell’immediato post sisma: “tanti aquilani erano sulla costa e siamo diventati amici. Io ho sofferto con voi, tutti noi abruzzesi eravamo molto vicini agli aquilani”.

E proprio a L’Aquila e a tutti coloro che hanno sofferto, è stata dedicata una delle loro canzoni più belle, “Ave Maria Mater Misercordiae”, cantata anche a Papa Francesco, in occasione della Giornata della Gioventù.

“Ave Maria, canta l’anima mia come un’aquila nel vento, si affida e va. Vola….”, un inno alla vita e all’amore che ben sposa con i sentimenti degli aquilani che tanto hanno sofferto e ancora soffrono a causa del terremoto del 6 aprile.

Felice di essere a L’Aquila anche Barone: “portiamo il nostro contributo in un contesto bello come la Perdonanza e e in un anno per voi importante come quello del decennale dal sisma. Noi siamo con voi!”.

 

Sul palco insieme al Volo, la Grande Orchestra Sinfonica dei Conservatori, composta da giovani talenti provenienti da tutti i conservatori d’Italia diretti dal maestro Leonardo De Amicis. Special guest il violinista Alessandro Quarta.

A fine serata è salito sul palco il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, che li ha invitati a tornare e li ha omaggiato con un rosone d’argento.

Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019
Il Volo per L'Aquila, Collemaggio, Perdonanza 2019

Bagno di folla finale per cercare di avere un selfie o un autografo e poi via a casa, con il cuore più leggero e la mente sgombra.

 

 

 

 

.

X