L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Bolla del Perdono, l’originale in mostra alla Banca d’Italia

Sarà possibile da oggi, 19 agosto, visitare la Bolla del Perdono, esposta alla Banca d'Italia fino al 27 agosto. Orari e dettagli.

L’AQUILA – La Bolla del Perdono è visibile e visitabile, basta recarsi alla Banca d’Italia.

La sede della Banca, a due passi da Piazza Duomo, ospiterà la Bolla del Perdono fino al prossimo 27 agosto. Il 28 sarà trasferita alla Basilica di Collemaggio.

bolla del perdono
bolla del perdono

È già possibile visitare il documento esposto all’ingresso della Banca, in un’apposita teca, dalle 12 di oggi, fino a orario di chiusura, 13,30. Le fasce orarie per ammirare la Bolla varieranno nel corso dei giorni nella seguente modalità: da domani 20 agosto, fino al 23, visite disponibili per tutto il tempo dell’apertura della filiale, ovvero 8,15-13,30, 24 e 25 agosto dalle 10 alle 20, 26 e 27 agosto dalle 8,15 alle 20.

“La collaborazione con la Banca d’Italia è partita nel 2017 e, ad oggi, continua. L’anno scorso abbiamo esposto la Bolla nella riaperta Basilica di Collemaggio, quest’anno l’esposizione sarà doppia: fino al 27 agosto si potrà visitarla qui nella sede della Banca d’Italia, nei giorni del Perdono, il 28 e 29 agosto, sarà spostata a Collemaggio. La Bolla è un pezzo fondativo della storia della città dell’Aquila, per cui è sempre emozionante poterla ammirare, soprattutto dopo il sapiente restauro ad opera dell’Istituto Centrale, nel 2017, che ringrazio, unitamente ai rappresentanti del Munda, i quali hanno consentito l’allestimento, e al personale della Soprintendenza, che verifica puntualmente lo stato di conservazione della Bolla. Uno stato che sarà ulteriormente monitorato quando la pergamena sarà nuovamente ricollocata nel caveau della Banca d’Italia

Lo ha spiegato il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, nel corso della conferenza stampa di questa mattina, per presentare l’esposizione della Bolla alla Banca d’Italia. Il primo cittadino ha, poi, sottolineato, come i dati finora raccolti fanno preannunciare un’edizione dai numeri importanti a livello di partecipazione, secondo i dati che arrivano dal settore della ricettività.

bolla del perdono
bolla del perdono

Per il periodo d’esposizione saranno i Carabinieri del Presidio della Banca d’Italia a vigilare alla sicurezza del prezioso documento, che testimonia la storia e la storia della religione scritta a L’Aquila.

“La mia presenza qui vuolte testimoniare che per la Regione Abruzzo la Perdonanza, legata alla figura di Celestino V, è un riferimento assoluto. Una tradizione dal valore civile, storico e religioso inestimabile e oggi, con l’esposizione della Bolla iniziamo da quello che è il valore vero e autentico di un evento centrale per la storia della città dell’Aquila. L’inizio di una Perdonanza che sarà un segno in iù della rinascita dell’Aquila”

Ha spiegato Emanuele Imprudente, vice presidente della Giunta regionale.

“La Bolla qui esposta e la Perdonanza in generale sono le basi per una spinta turistica non solo nazionale ma internazionale, soprattutto se riusciremo ad ottenere il riconoscimento a Patrimonio Unseco. La Perdonanza contribuisce come evento a creare quella visione dell’Aquila che stiamo proponendo e costruendo in ottica futura”.

Le parole dell’assessore al Turismo del Comune dell’Aquila, Fabrizia Aquilio.

“Per me è un orgoglio essere qui in un momento e in un luogo che sono particolarmente significativi per una comunità, quale quella aquilana, alla quale mi sento di appartenere. Sono circostanze amministrative quelle che mi hanno portato a rappresentare la Banca in questi giorni, ma poter partecipare ad un evento di tale importanza mi riempie di emozione. Essere vicino, fisicamente, ad un documento prezioso qual è la Bolla del Perdono, mi fa rivivere quei momenti e quei personaggi che qui a L’Aquila hanno scritto pagine di storia da conoscere e trasmettere. Testimonierò la sensibilità e l’attenzione che la Banca d’Italia ha per la comunità aquilana”.

Ha spiegato Filiberto Morelli, direttore facente funzioni della Banca d’Italia filiale dell’Aquila.

X