L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Orgoglio aquilano: Claudio Lisi in America per i 70 anni della Nato

Orgoglio aquilano: il manager Claudio Lisi in America per i 70 anni della Nato.

Il manager aquilano Claudio Lisi sarà in America al quartier generale della Nato giovedì 27 giugno.

Claudio Lisi è manager di un’importante multinazionale che si occupa di intelligence aziendale.

Il 27 giugno parteciperà alla conferenza per i 70 anni della Nato a Washington presso il Quartier Generale del Consiglio Atlantico dove importanti relatori discuteranno sul futuro dell’organizzazione.

Il titolo dell’evento sarà “NATO at 70: Refocusing for chance?”

Claudio Lisi è già ufficiale dei Carabinieri, in possesso della laurea in Scienze dell’Investigazione all’Università dell’Aquila, laurea in Studi Strategici e Scienze Diplomatiche presso la Link Campus University con il professore Vincenzo Scotti e il professore Franco Frattini.

Ha all’attivo anche un Master in Intelligence sempre presso la Link Campus University e un Master in Geopolitica e Sicurezza Globale presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, con una tesi sull’energia ed i rapporti tra Europa Russia e Israele.

L’incontro in America si svolgerà come un dibattito sul contributo finanziario alle spese della Nato e la necessità di rivedere un rapporto transatlantico che va aggiornato a una realtà politica e di sicurezza molto differente da quella del 1949.

Il seminario della Fondazione intende affrontare il tema politico insieme con quello delle conseguenze strategiche di un nuovo adattamento complessivo dell’Alleanza in modo professionale, oggettivo e concreto.

“La Nato – spiegano gli organizzatori – è tutt’ora l’unico security provider per la sicurezza comune ed indivisa delle due sponde dell’Atlantico ed è l’unica struttura multilaterale capace di proiettare sicurezza anche oltre la zona euro-atlantica”

L’evento sarà strutturato in due panel:

Il primo affronterà la natura e gli interessi di sicurezza dell’Alleanza e quindi le conseguenze su deterrenza, dialogo, ripartizione delle spese, minacce ibride e partenariati più vasti;

Il secondo discuterà invece a necessità di un nuovo approccio strategico della Nato a vecchie e nuove sfide emergenti, considerando anche l’importanza dei processi decisionali in modo da conciliare meglio interessi collettivi e nazionali, rendendo così l’organizzazione ancor più rilevante per i membri.

All’evento parteciperanno 14 oratori altamente qualificati.

Le conclusioni saranno affidate all’ex Segretario di Stato americano Madeleine Albright.

Tra i relatori: Anthony Cordesman, titolare della cattedra, Arleigh A. Burke, Center for Strategic and International Studies di Washington DC; Damon Wilson, vice presidente Esecutivo, Atlantic Council di Washington DC, Ian Brzesinski, vice assistente del Segretario della Difesa per le Politiche dell’Unione Europea e della Nato della Casa Bianca; Charles Kupchan, Senior Fellow, Council on Foreign Relations di Washington D.C.

 

X