IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Ombre sul Parco urbano di piazza d’Armi, ditta aggiudicatrice in concordato preventivo

Il Parco urbano di piazza d'Armi all'attenzione della II Commissione comunale e nella Commissione Garanzia e Controllo. Serve chiarezza sul progetto.

L’AQUILA – Parco urbano piazza d’Armi, la ditta che si è aggiudicata l’appalto è in concordato preventivo: chiesta la convocazione della Commissione di Garanzia e controllo.

La questione del Parco urbano di piazza d’Armi nella II Commissione e in quella di Garanzia e Controllo. Lelio De Santis: “I cittadini hanno il diritto di sapere”.

“La storia del progetto del Parco urbano di Piazza d’Armi, iniziata ormai 10 anni fa e sviluppatasi a tempo di lumaca, che ha un finanziamento di 23 milioni e che prevede diversi interventi di riqualificazione dell’area e la costruzione di un teatro di circa mille posti, – scrive il consigliere comunale Lelio De Santis – arriva al punto cruciale nel 2016 con l’aggiudicazione dei lavori e della progettazione esecutiva alla ditta Rialto costruzioni S.p.a. di San Tammaro, Caserta, con un ribasso del 60,53% sul prezzo a base d’asta. Un ribasso esorbitante ed inspiegabile. In sede di progettazione esecutiva, successivamente, la società aggiudicataria prevede delle varianti in aumento per circa 5 milioni. La Società PCQ di Ancona, incaricata della verifica della congruità delle Varianti, esprimeva un parere di non conformità. Iniziava allora una serie di incontri a livello tecnico fra la Società Rialto, la Società di verifica e gli Uffici comunali per trovare una soluzione concordata: viene partorito il topolino che accontenta tutti e che mette più soldi a disposizione della Società aggiudicataria. Infatti, a fronte di un ribasso del 60,53%, il quadro economico rimodulato e concordato risulta: 13.060.010,62 per lavori al netto del ribasso; 4.128.970,18 per somme a disposizione per un totale di euro 17.188.980,80 rispetto al totale dell’importo messo a gara di euro 22.950.548,84. La determina dirigenziale n° 1491 del 30/04/2019 del Comune ha approvato l’intesa”.

“Il nuovo Dirigente del settore, ing. Carugno, – prosegue De Santis – ha cercato di fare chiarezza e di accelerare l’iter di definizione del progetto, con l’attivazione della conferenza di servizi. Ora, notizie di stampa ci informano che la Società Rialto è stata esclusa da alcune gare d’appalto in altre città e che si trova nella condizione particolare di concordato preventivo. Nonostante questi elementi abbastanza seri e preoccupanti, la Giunta Comunale appare totalmente indifferente rispetto al problema e lascia che siano gli uffici a dare una risposta e ad assumere una decisione impegnativa. In precedenza avevo chiesto alla Giunta comunale chiarezza e fermezza, non escludendo la revoca dell’aggiudicazione. Considerato che nessuno dai Palazzi comunali ha sentito il bisogno di rispondere, ho ritenuto doveroso richiedere la convocazione della II Commissione consiliare e della Commissione Garanzia e controllo, al fine di fare chiarezza su un appalto di importo significativo per un’opera strategica pe la città e per verificare la trasparenza della procedura di gara. D’altra parte, mi sembra ingiustificabile che nessuna delle tante opere pubbliche finanziate ha visto aprire i cantieri e che qualcuna, come questa del Parco Urbano di Piazza d’armi, sia dopo 6 anni impantanata nella palude delle procedure di aggiudicazione. Penso che i cittadini abbiano il diritto di sapere che ne sarà del progetto di Piazza d’armi!”.

X