L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Consiglio L’Aquila, TARI: -30% in centro in caso di lavori dei sottoservizi

Rilevanti agevolazioni approvate dal Consiglio comunale. Tra tutte l'abbattimento Tari del 30 per cento per le abitazioni civili del centro storico situate in zone interessate dalla realizzazione dei sottoservizi.

L’Aquila, le modifiche e le riduzioni approvate dal Consiglio comunale.

Il Consiglio comunale ha approvato le modifiche e  le integrazioni al regolamento che disciplina l’Imposta unica comunale (19 voti favorevoli, 4 contrari e 4 di astensione), la fissazione delle aliquote, per l’anno 2019, del Tributo per i servizi indivisibili -Tasi (19 si, 4 no) e la determinazione delle aliquote e detrazioni dell’Imposta  municipale propria – Imu (18 si, 4 no).
Via libera anche alla fissazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti (Tari) per l’anno 2019  (18 si, 1 astenuto e 4 no) e al Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, proposto dall’Aquilana società multiservizi (Asm), con 18 voti favorevoli, 2 di astensione e 1 contrario. Alla società il Comune dell’Aquila riconosce un contributo di esercizio pari a circa 14 milioni e mezzo di euro, di cui 1 milione e mezzo di euro proveniente da gettito Tari e il resto da trasferimenti dallo  Stato.
“Dal momento che chiediamo trasferimenti dal Governo per compensare  le maggiori spese e le minori entrate a causa del sisma – ha dichiarato il vice sindaco e assessore alle Finanze Raffaele Daniele nella sua illustrazione in Aula – non abbiamo potuto prevedere riduzioni complessive ma solo agevolazioni per determinate categorie.

In particolare abbiamo previsto un abbattimento Tari del 30 per cento per le abitazioni civili del centro storico situate in zone interessate dalla realizzazione dei sottoservizi, per il periodo di durata del cantiere; beneficeranno di una riduzione del 10 per cento anche le giovani coppie; meno 20 per cento, altresì, per le abitazioni civili, oggetto di ripristino post sismico, che tuttavia non hanno ancora l’abitabilità. È previsto inoltre – ha proseguito il vice sindaco –  un abbattimento dell’8 per cento per tutti gli esercizi pubblici che installano un fasciatoio nei loro locali.

Una riduzione del 20 per cento riguarda anche le attività commerciali del centro storico della città dell’Aquila e delle frazioni e per gli insediamenti posseduti o gestiti da società sportive dilettantistiche.

Pagheranno il 30 per cento in meno anche tutti quegli esercizi che decidano di dismettere macchine per il gioco, ai fini di disincentivare il fenomeno della ludopatia, in seguito al relativo pronunciamento del Consiglio comunale contro tale problematica. Un abbattimento fino al 10 per cento, sempre della Tari, è previsto in favore di chi conferisce rifiuti ingombranti nei centri di raccolta e il 30 per cento per attività agricole che svolgono anche attività agrituristiche. Una riduzione della Tasi del 20 per cento è prevista, infine – ha concluso il vice sindaco Daniele – per le utenze non domestiche situate nel centro storico. Sull’Imu, infine , il regolamento resta  invariato”.
I lavori proseguono con la discussione sulla proposta deliberativa riguardante il Regolamento comunale Cimp, pubbliche affissioni e Cosap.

X