L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Avezzano, opposizione punto e a capo: lista di priorità per il commissario

L'opposizione di Avezzano archivia 23 mesi di attività e presenta il documento da consegnare al commissario, con le linee d'indirizzo per la città.

AVEZZANO – Il giorno dopo il congedo di De Angelis, ad Avezzano parla l’opposizione.

Una conferenza stampa ritenuta «doverosa», come spiegato dall’ex sindaco e consigliere d’opposizione Giovanni Di Pangrazio, dopo i fatti di sabato in consiglio comunale, e necessaria per presentare un documento da consegnare al commissario ad acta che arriverà a palazzo città.

18 punti, dall’opposizione al commissario, elencati nel documento: dal tribunale al mercato, dai fondi Masterplan al T-red, passando per la tanto contestata pista ciclabile.

«L’ordinario ma anche lo strardinario dovrà rientrare nella sfera delle competenze del commissario», ha precisato Verdecchia.

Uno straordinario racchiuso in diciotto punti, quindi, sottoscritti nel documento in qustione dai 14 di una minoranza ormai tale solo di nome. Giovanni Di Pangrazio, Domenico Di Berardino, Cristian Carpineta, Gianfranco Gallese, Roberto Verdecchia, Mario Babbo, Francesco Eligi, Alessandro Pierleoni, Vincenzo Ridolfi, Maria Antonietta Dominici, Donato Aratari, Leonardo Rosa, Luigia Francesconi e Marco Natale.

avezzano minoranza

«Sabato in città è tornato a splendere il sole, ma oggi non siamo qui per fare polemica, bensì per concludere il nostro percorso come opposizione, presentandovi un documento che consegneremo quanto prima al commissario», ha precisato Di Pangrazio.

«Alla fine ha vinto la ragione di chi ha portato avanti le istanze di cittadini inascoltati, perché ripeto: amministrare significa governare con i cittadini, comandate significa dirigere un’azienda». Di Pangrazio imputa la fine anticipata dell’amministrazione De Angelis, oltre che ad una maggioranza persa per legge, anche al «trasformismo politico. Chi lo aveva votato aveva espresso fedeltà ad una lista civica. Ecco dove porta il trasformismo».

Nelle linee di indirizzo presentate al commissario, l’opposizione assegna priorità assoluta al futuro del tribubale di Avezzano.

«Il commissario che verrà dovrà obbligatoriamente interessarsi della vicenda del tribunale. Settembre 2020 è già alle porte per noi quindi è giusto che ci si preoccupi del presidio di giustizia. Avezzano non può permettersi di perdere questo servizio.  Così come bisognerà affrontare il riposizionamento del mercato nell’area centrale. Sono 135 persone quelle che si ritrovano abbandonate lì, nella zona nord. Non possono essere lasciate a se stesse, in una zona non idonea per ospitare il mercato» ha precisato Roberto Verdecchia.

Tribunale, ricollocamento del mercato al centro, nuova attenzione ai Fondi Masterplan, per accelerare i tempi, T-red, pista ciclabile, è lunga la lista delle priorità che saranno sottoposte all’attenzione e all’impegno del commissario ad acta.

Intanto domani dovrebbe partire il taglio degli alberi storici, per il via dei lavori inerenti il progetto di piazza del Mercato. Operazione, questa, già motivo di accese polemiche. Francesco Eligi e Roberto Verdecchia si sono interessati personalmente della questione, per la quale domani partirà un sit in avverso al taglio delle piante. «Ovviamente non abbiamo la garanzia che riusciremo ad evitare il taglio di quegli alberi», ha precisato Eligi. Il dirigente comunale Pepe, tuttavia, ha assicurato di rimandare l’operazione di taglio almeno fino a lunedì prossimo. «Vorremmo sottoporre la questione al commissario e provare a scingiurare quest’atto», ha sottolineato Di Pangrazio.

Futuro politio, opposizione tra Pd e Movimento 5 Stelle

Guardando al domani e alle prossime elezioni, in considerazione della sinergia che ha visto un’opposizione compatta – tra rappresentanti del Pd e pentastellati – Francesco Eligi, imbeccato dalla stampa su un’eventuale candidatura unita alle amministrative, ha precisato: «Il capo nazionale del M5S si è aperto recentemente alle collaborazioni e alle unioni di forze politihe. Che un’unione possa esserci ad Avezzano, però, lo escluderei. Possiamo collaborare con liste di estrazione civica, ma posso dire, fin da ora, che, a meno di cataclismi dell’ultimo momento, Avezzano avrà una lista a sé del Movimento 5 Stelle».

X