L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Foce di Stiffe, la Regione dice no alla centrale idroelettrica

Preavviso di rigetto del Comitato VIA per il progetto della centrale idroelettrica a Stiffe. Ieri la riunione in Regione.

Centrale idroelettrica a Stiffe, il Comitato VIA manda il preavviso di rigetto per il progetto di centrale idroelettrica a Stiffe. Determinante la VINCA.

Come anticipato dal Capoluogo.it che ha seguito la vicenda dall’inizio, cittadini e associazioni possono tirare un sospiro di sollievo, anche se non definitivo. Si avvia a conclusione l’affare della centrale idroelettrica a Stiffe. A seguito della riunione di ieri, infatti, il Comitato VIA ha pubblicato sullo sportello regionale per l’ambiente l’avviso di rigetto per il progetto della Hydrowatt per la realizzazione di una centrale idroelettrica presso le grotte di Stiffe.

La chiave di volta, il parere negativo del Comune di San Demetrio, che ha evidenziato la mancanza di un monitoraggio strutturale delle specie animali presenti nell’area e tutelate a livello comunitario (sia in sede di Studio di Impatto Ambientale che di VINCA).

Contestata anche la mancata pubblicazione del progetto sull’Albo pretorio comunale.

Il tutto, insieme alle numerose osservazioni inviate da associazioni, cittadini e Comune, ha portato al preavviso di rigetto del progetto. A questo punto, la Hidrowatt ha 10 giorni di tempo per inviare osservazioni e controdeduzioni, senza le quali il progetto verrebbe definitivamente bocciato.

[QUI il preavviso di rigetto]

Soddisfatti il Comitato e il Forum H2O che “auspicano che non vi siano colpi di coda da parte dell’azienda e che quest’ultima, prendendo atto dell’incompatibilità del progetto con la realtà dei luoghi, non contesti le conclusioni del comitato VIA (l’azienda entro 10 gg può opporsi contro-deducendo; poi il Comitato VIA dovrà confermare o meno il rigetto). In ogni caso ci aspettiamo che l’intervento tramonti definitivamente e si lavori per continuare l’opera di promozione delle bellezze di questo territorio conservandole”.

X