L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Sport

Linda Tucceri Cimini, la marsicana ex L’Aquila calcio ai mondiali di Francia

Ci sarà anche la marsicana Linda Tucceri Cimini con la nazionale azzurra femminile ai Mondiali di Francia. L'intervista de Il Capoluogo ai genitori della calciatrice

L’AQUILA – Le prime partite a Cerchio, nel campetto sopra casa sua, mai nessuno avrebbe immaginato che la piccola Linda sarebbe arrivata ai mondiali di calcio, in Francia.

Linda Tucceri Cimini è la protagonista di una storia bellissima, che oggi la rende l’unica marsicana della rosa azzura ai Mondiali di Calcio femminile.

linda tucceri cimini

Nata ad Avezzano e vissuta, da sempre, nel piccolo comune aquilano di Cerchio, Linda farà parte della spedizione italiana in corsa per il titolo mondiale in Francia, padrona di casa della competizione. Sarà proprio la nazionale transalpina ad aprire i battenti dei Mondiali 2019, il prossimo 7 giugno, nel match contro la Corea del Sud. Le azzurre scenderanno in campo domenica, contro l’Australia, e Linda potrebbe essere tra le protagoniste.

Dai primi calci a Cerchio, insieme ai fratelli e agli amici del posto, alla Lazio, passando per l’anno alle giovanili de L’Aquila e per la maglia del Milan, indossata da questa estate, fino alla Nazionale. Nel 2015 la prima convocazione in azzurro, per gli Europei. Ora l’avventura in Francia, agli ordini del ct Milena Bertolini.

linda tucceri cimini

Mamma Marta racconta Linda a Il Capoluogo

«Linda ha iniziato a correre con il pallone tra i piedi fin da piccola e dall’età di nove anni ha cominciato a giocare nelle giovanili di squadre importanti. La svolta c’è stata grazie al mister Giuseppe Tofani. Lui ogni volta che la guardava giocare assieme ai suoi amici, riferiva e me e a mio marito: “Vostra figlia arriverà lontano grazie al suo talento”. Da lì il provino alla Lazio, accompagnata proprio da Tofani, e l’inizio dell’avventura in biancoceleste. Fu tesserata a soli 10 anni».

Tofani adesso non c’è più, è scomparso da qualche anno, ma guarderebbe commosso la piccolina sulla quale ha sempre scommesso, calcare, domenica, lo Stade du Hainaut a Valenciennes, con la maglia azzurra cucita sulla pelle. «Cinque/sei anni trascorsi a fare la spola Cerchio-Roma, negli anni passati alla Lazio. Linda parallelamente non ha trascurato gli studi, diplomandosi all’Istituto d’Arte».

Parentesi rossoblù, con la maglia de L’Aquila Calcio, in prestito, a spezzare gli anni romani, poi è arrivata la volta di Cervia, un anno in Serie A2 chiuso al quarto posto in classifica. «Nove anni in Emilia e tanti cambi di casacca: prima il Cervia, poi Riviera di Romagna (squadra nata dalla fusione del Cervia e della Dinamo Ravenna ndr) Torres – vivendo a Sassari dal 2013 al 2014, dove approda, inoltre, per la prima volta ad un torneo internazionale, l‘UEFA Women’s Champions League 2013-2014, – poi di nuovo Riviera di Romagna, San Zaccaria e Milan, dal 2018».

linda tucceri cimini
linda tucceri cimini
linda tucceri cimini

Vive a Milano, adesso, Linda e il campo di Cerchio, dove ha scoperto una passione di vita, è un ricordo lontano, almeno geograficamente parlando. Mamma Marta e papà Franco sono emozionati e felici quando raccontano la favola di Linda alla redazione del Capoluogo. 28 anni vissuti con la valigia in mano, la divisa addosso e la palla tra i piedi, segni particolari: la forza di aver creduto in un sogno.

Auguri a Linda e alle azzurre per il cammino mondiale.

 

Foto: Sky Sport

X