IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Sport

Maggio rosa, dopo il Giro la Granfondo L’Aquila

Presentata la Granfondo L'Aquila, l'appuntamento del 19 maggio inserito tra le manifestazioni del Giro d'Italia. Tutti i dettagli e il programma.

Bici in strada anche dopo la tappa del Giro d’Italia con la Granfondo L’Aquila, quest’anno alla quarta edizione.

Appuntamento al 19 maggio, con la Granfondo. Percorso medio e lungo confermati, rispettivamente di 85 e 125 km, oltre ai 50 km del percorso cicloturistico.

Questa mattina, a Palazzo Fibbioni, la presentazione dell’evento Granfondo L’Aquila, organizzato dall’Asd Ciclo Cral. L’iniziativa si inserisce nel ventaglio di programmi a contorno della tappa aquilana del Giro, del 17 maggio.

granfondo

Un quadro sportivo che andrà a concludersi, nel maggio rosa, proprio con la Granfondo. «Subito dopo il terremoto io e alcuni amici ciclisti andammo in giro fotografando i luoghi maggiormente toccati dal sisma. Fotografammo l’edificio della Prefettura e le foto finirono su una rivista di ciclismo. Da lì iniziò a nascere qualcosa che ha portato alla Granfondo. Un evento che fa promozione turistica e contribuisce a ricreare un tessuto sociale, costituendosi, al di là della pedalata, come una vera e propria festa», ha spiegatl Fabrizi, nel corso della conferenza, nella duplice veste di assessore e socio dell’Asd Ciclo Cral. 600/700 iscritti negli anni passati, ma per le future edizioni si punta a realizzare la Granfondo più partecipata d’Abruzzo.

Due percorsi competitivi e uno per i cicloamatori.

Si parte, con lo start alle 9, dal viale di Collemaggio, si fa il tunnel e si scende fino a Martini. Poi la salita di Porta Napoli per scende da Via XX Settembre.

Si passa per Preturo e Rocca di Santo Stefano, quindi si scende per tornare a Sassa. Poi Casavecchia e Genzano. Si va a Colle di Roio e Roio Poggio. Si scende per Bagno, Casentino e si arriva a Monticchio. Quindi si attraversano San Demetrio e Onna, poi Paganica, Tempera e si risale fino al cimitero, per l’arrivo a Collemaggio. A Monticchio c’è la separazione dei percorsi. La parte finale, dal cimitero, è coincidente con la tappa del Giro.

Il percorso medio arrivato a Monticchio risale a Paganica, mentre quello turistico arrivato a Pianola, torna indietro lungo la statale e risale da Porta Napoli, è un percorso aperto a tutti.

Livio Stefanucci, dell’Asd Ciclo Cral, ha ricordato che nel sito dedicato alla Gran Fondo c’è anche una sezione legata alla ricostruzione collegata a Usrc e Usra, perché l’evento è nato proprio dalle macerie, ma ora vuole evidenziare anche la ricostruzione. Il livello tecnico è buono e ci sono atleti che in passato hanno fatto tempi ottimi. Nel pacco gara ci sarà una maglia che richiama al Giro e prodotti enogastronomici.

Di Gregorio ha ribadito che la Gran Fondo è la gara più sicura d’Italia perché di anno in anno si fanno degli eventi di ripristino delle strade. Il tema della sicurezza dei ciclisti è fondamentale ed è perseguito anche dagli organizzatori della manifestazione per la cui riuscita hanno contribuito anche Provincia e Anas per le strade di loro competenza.

 

X