IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Sisma centro Italia, un fantasma inghiotte la roccia scossa dai terremoti

L'ipotesi dell'INGV: ci sarebbe una sorta di volume fantasma che inghiotte la roccia scossa dai sismi, sotto la faglia del terremoto del Centro Italia

Ci sarebbe una sorta di volume fantasma sotto la faglia del sisma in Italia centrale che ha coinvolto nel 2016 ad Amatrice e Norcia.

Come una fisarmonica, potrebbe aver ‘creato lo spazio’ per accogliere tutto il volume di roccia che si è abbassato durante la sequenza sismica.

E’ l’ipotesi dei ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) pubblicata sulla rivista
Scientific Reports.

Grazie all’elaborazione di dati satellitari, il gruppo guidato da Christian Bignami è riuscito a calcolare il volume di
roccia che si è spostato durante l’intera sequenza sismica, iniziata nell’agosto 2016 e ancora in corso.

“Abbiamo visto che il volume di roccia sceso è 7,5 volte maggiore di quello che si è spostato verso l’alto”, spiega. Un risultato che ha fatto sorgere la domanda su dove vada a finire questa massa di crosta in eccesso.

I ricercatori hanno così pensato che possa esserci “un volume fantasma che si trova sotto la roccia che si è abbassata, sotto la faglia, e che viene occupato quando c’è il terremoto. Non uno spazio vuoto, ma migliaia di fratture che creano lo spazio nella roccia, che può essere compresso per accogliere la roccia che si abbassa durante il sisma”, continua Bignami.

Il modello elaborato prevede che nella fase preparatoria del terremoto si formino nella crosta fragile (i primi 10-15 chilometri) migliaia di microfratture lungo la catena appenninica, creando un volume ‘dilatato’ che collassa quando non riesce più a sostenere il peso delle rocce sovrastanti.

In questo modo accoglie il volume in eccesso che si abbassa durante il terremoto, come una fisarmonica che si chiude.

Questo volume conclude Bignami, potrebbe “dare indicazioni sulla magnitudo dei terremoti e le zone da cui possono originare altri sismi importanti”.

X