IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Porta Barete, riqualificazione in quattro mosse

Porta Barete sarà riqualificata in quattro mosse, poste alla base del concorso di idee che porterà alla rinascita dell'area archeologica. C'è il via libera della giunta comunale al piano di riqualificazione.

Porta Barete sarà riqualificata in quattro mosse, poste alla base del concorso di idee che porterà alla rinascita dell’area archeologica.

C’è il via libera della giunta comunale al piano di riqualificazione.

I quattro punti che caratterizzeranno la riqualificazione del complesso areale di Porta Barete sono: la rimozione del terrapieno di via Roma e del sottopasso di via Vicentini, con annessa sistemazione degli spazi pubblici, l’adeguamento di via dei Marsi, ad oggi via secondaria, la sistemazione di via Santa Croce, il miglioramento degli accessi pedonali all’area stessa, precisamente da via Corrado IV, e su via Roma, con l’installazione di un ascensore esterno.

L’area dove insiste il terrapieno, come riporta l’articolo de Il Messaggero, sarà trasformata in un nuovo spazio pubblico pedonale, sull’asse dell’attuale tracciato stradale. Le proposte progettuali dovranno garantire al massimo grado la visuale della Porta e, allo stesso tempo, dovranno distinguere e proteggere la “passeggiata” dall’attuale sede viaria.

A cambiare volto sarà, inoltre, il margine stradale verso viale Corrado IV e della quinta urbana, verso gli edifici insistenti sul lato opposto. Lo spazio ottenuto dal terrapieno, mediante il processo di riqualificazione, dovrà configurarsi come un nuovo luogo pubblico, con le proprie specifiche caratteristiche.

Il progetto dovrà individuare – riporta ancora Il Messaggero – la soluzione più idonea all’accesso carrabile da viale Corrado IV agli edifici preesistenti, per interrompere nella minor misura possibile la continuità del percorso pedonale. A questo proposito, l’Amministrazione comunale ha un piano B in merito all’assetto dell’area, piano che prevede: il riutilizzo dei volumi esistenti e un diverso assetto dei parcheggi in uscita.

Al centro del concorso di idee ci sarà la valorizzazione dell’area archeologica e della Chiesa di Santa Croce, “attraverso il ridisegno del sagrato”.

Il progetto presentato dovrà, tra l’altro, prevedere anche la sistemazione della zona pubblica di accesso all’area archeologica, da destinare al verde e al parcheggio. Inoltre la zona di Porta Barete dovrà essere connessa al sovrastante quartiere di Santa Croce, mediante l’uso di rampe e scale, mentre l’accesso a via Roma dovrà essere realizzato mediante un ascensore esterno. Eliminato il cavalcavia la via principale per accedere all’area sarà via dei Marsi, la quale sarà allargata, con il raggiungimento di una larghezza minima della corsia di 6 metri e mezzo.

Ad ogni modo il Bando non è ancora stato pubblicato, quindi si dovrà ancora attendere per l’inizio dei lavori.

X