IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Consiglio regionale Abruzzo, le new entry dopo la composizione della Giunta

Dopo l'ufficializzazione dei nomi dei nuovi assessori in Giunta, entrano in consiglio regionale d'Abruzzo 6 nuovi consiglieri. Ecco il nuovo consiglio.

Con l’ufficializzazione della Giunta della Regione Abruzzo dopo la vittoria della coalizione di centrodestra dello scorso 10 febbraio, entrano in consiglio regionale 6 nuovi consiglieri.

Per la Lega, nella circoscrizione di L’Aquila entra Antonietta La Porta al posto di Emanuele Imprudente, nominato vicepresidente ed Assessore all’Agricoltura.

La Porta, 3570 preferenze, ha trainato la Lega nella Valle Peligna e Valle Subequana, “suoi” territori.

A Chieti, il neo assessore Nicola Campitelli viene sostituito da Fabrizio Montepara, primo cittadino di Orsogna.

A Pescara, la neo assessore alla Sanità Nicoletta Verì cede il posto da consigliere a Luca De Renzis, imprenditore dei trasporti e rappresentante della società civile.

Per quanto riguarda Forza Italia, Daniele D’Amario, eletto nella circoscrizione di Chieti, prende il posto del neo assessore alle Attività Produttive e Turismo Mauro Febbo.

Entrerà all’Emiciclo anche Gabriele Astolfi, sindaco di Atri, al posto di Umberto D’Annuntiis, nominato Sottosegretario con delega ai Trasporti, Infrastrutture, Lavori pubblici, Difesa del Suolo: per questo incarico è prevista una riforma che prevederà infatti il subentro, diventando così un assessorato a tutti gli effetti.

Infine, ultima new entry in consiglio regionale è quella di Mario Quaglieri, che subentra a Guido Liris, divenuto assessore al Bilancio. Sindaco di Trasacco, Quaglieri va a rimpolpare la presenza all’Emiciclo della Marsica, uscita pesantemente depotenziata da queste elezioni regionali.

Il 12 marzo la prima seduta del nuovo consiglio regionale

Consiglio regionale d’Abruzzo, tutti i nomi dei consiglieri di maggioranza

 

Lega: 10 consiglieri. Fabrizio Montepara, Manuele Marcovecchio, Antonio Di Gianvittorio, Antonietta La Porta, Simone Angelosante, Pietro Quaresimale, Emiliano Di Matteo, Vincenzo D’Incecco, Sabrina Bocchino, Luca De Renzis.

Forza Italia: Daniele D’Amario, Lorenzo Sospiri, Gabriele Astolfi

Fratelli d’Italia: Mario Quaglieri, Guerino Testa

Azione Politica: Roberto Santangelo

Udc-Dc-Idea: Marianna Scoccia

Il nuovo Consiglio regionale, l’opposizione.

Per quanto riguarda le forze di minoranza, sette consiglieri per il Movimento 5 Stelle: Giorgio Fedele a L’Aquila, Marco Cipolletti a Teramo, Domenico Pettinari e Barbara Stella a Pescara, e Sara Marcozzi, Pietro Smargiassi e Francesco Taglieri Sclocchi a Chieti.

Per il centrosinistra, unico aquilano Americo Di Benedetto per la lista Legnini Presidente, Dino Pepe (Pd) e Sandro Mariani (Abruzzo in Comune) a Teramo, Antonio Blasioli (Pd) a Pescara, Silvio Paolucci (Pd) a Chieti. Un posto, naturalmente, è riservato a Giovanni Legnini in quanto candidato presidente giunto secondo.

Gli auguri del sindaco Biondi ai nuovi assessori.

«Giungano ai nuovi componenti della giunta regionale i migliori auguri per l’importante compito che li attende». Così il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, che aggiunge:  «Mi sia consentito, peraltro, di rivolgere un caro saluto ai due assessori ‘aquilani’, Emanuele Imprudente e Guido Liris, che ricopriva anche l’incarico di vice sindaco: da loro, a cui il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha assegnato deleghe prestigiose ma complesse, la città capoluogo d’Abruzzo si aspetta molto dopo la grande dimostrazione di fiducia testimoniata con il voto del 10 febbraio scorso. Da anni non si registrava una così ampia rappresentanza di questi territori in consiglio regionale, che adesso è stata rispecchiata anche in giunta. Sono certo che sapranno far tesoro dell’esperienza maturata al Comune dell’Aquila e che metteranno a disposizione della comunità cittadina e abruzzese il loro bagaglio di conoscenze e professionalità».

X