IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Piscina VerdeAcqua, affidamento da rifare

Respinto il ricorso di Verdeacqua, per l'affidamento degli impianti sportivi di località Santa Barbara serve procedura a evidenza pubblica.

Il Consiglio di Stato respinge il ricorso della VerdeAcqua Smile e conferma la sentenza del Tar: tutto da rifare per l’affidamento.

Il Comune dell’Aquila deve procedere a un bando con evidenza pubblica per il nuovo affidamento del complesso sportivo in località Santa Barbara, in quanto la delibera con cui l’amministrazione Cialente nel 2016 aveva “prorogato” l’affidamento per altri 25 anni è da considerarsi nulla. Lo aveva stabilito il Tar a inizio anno e adesso c’è la conferma da parte del Consiglio di Stato, che ha respinto il ricorso della stessa VerdeAcqua, contro il pronunciamento del Tar.

Piscina VerdeAcqua, la vicenda giudiziaria.

Era il 1995 quando la cooperativa VerdeAcqua vinse la gara per l’affidamento degli impianti sportivi in località Santa Barbara; nel 2016, dopo una serie di proroghe, l’amministrazione comunale guidata dall’ex sindaco Massimo Cialente aveva poi approvato una delibera con cui si prorogava l’affidamento per altri 25 anni. Da qui il ricorso delle associazioni sportive 99 Sport L’Aquila e Junior Tennis, che hanno contestato la legittimità dell’atto, chiedendo al Tar l’annullamento della delibera di proroga di 25 anni, considerata di fatto una nuova concessione. I giudici amministrativi hanno dato ragione alle associazioni 99 Sport L’Aquila e Junior Tennis, ritenendo che la proroga eccedesse «quella durata determinata e limitata che la renderebbe legittima».

Quindi il ricorso al Consiglio di Stato da parte di VerdeAcqua, che riteneva di avere tutte le carte in regola per proseguire nell’affidamento. Anche il Consiglio di Stato, però, ha confermato la sentenza del Tar, ritenendo infondate le motivazioni del ricorso e disponendo il pagamento delle spese processuali a carico della stessa VerdeAcqua per 5mila euro, oltre agli accessori di legge.

A questo punto, il Comune dell’Aquila dovrà attivare una procedura ad evidenza pubblica per affidare la gestione dell’impianto sportivo, o quantomeno – in attesa del bando – prevedere una proroga in linea con le indicazioni dei giudici.

X