IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Progetto CASE, ricomincia riscossione bollette

La Giunta comunale approva delibera per ricominciare la riscossione delle bollette del Progetto CASE.

Il Comune dell’Aquila ricomincia a riscuotere le bollette al Progetto CASE, previste rateizzazioni per evitare salassi.

Ripresa dell’emissione delle bollette con il calcolo della spesa per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria in base ai consumi reali, rateizzazione del pregresso e nuovo metodo di quantificazione dei costi delle forniture secondo quanto stabilito dalla delibera della Giunta comunale approvata ieri. Queste le novità che riguarderanno gli assegnatari del Progetto CASE, annunciate dall’assessore all’Equità tributaria, Annalisa Di Stefano.

«Finalmente – ha dichiarato l’assessore Di Stefano – sono state superate tutte le problematiche che non consentivano l’emissione delle bollette del Progetto CASE per il consumo del riscaldamento ed acqua calda sanitaria, ferme ormai da febbraio 2017 e questo è motivo di grande soddisfazione. Il risultato ottenuto è stato reso possibile, oltre che con il prezioso apporto del servizio Riscossione canoni ed utenze Progetto CASE del Comune e del Sed, anche grazie al confronto puntuale che si è svolto in occasione di vari incontri con i soggetti coinvolti e, in particolare, in virtù della proficua collaborazione dei Comitati costituiti spontaneamente nei Progetti CASE, uno per tutti il quello Assergi 2, rappresentato dal signor Giuliano Bruno».

L’assessore Di Stefano ha sottolineato inoltre come si sia raggiunto l’obiettivo «nonostante le criticità e le enormi difficoltà note a tutti in materia di gestione, bollettazione e riscossione per i complessi del Progetto CASE, evidenziate nella relazione richiesta al Sed, la nostra società partecipata, al fine di inquadrare la questione. Le bollette – ha proseguito l’assessore – verranno calcolate sui reali consumi, sui consumi individuali, nel rispetto ed in linea con il programma di mandato della equità tributaria, sintetizzato con la l’espressione ‘pagare tutti, pagare meno’. I cittadini pagheranno in base a quanto da ciascuno effettivamente consumato, secondo la lettura di ciascun contabilizzatore individuale. Alla luce delle note difficoltà riscontrate in passato per effettuare le letture dei contacalorie del Progetto Case – ha chiarito Di Stefano – si è ottenuta, con soddisfazione, la collaborazione del soggetto in possesso di tutti i requisiti e competenze tecnico-professionali, ovverosia la Gran Sasso Acqua alla quale, infatti, è stato affidato il servizio di rilevazione della lettura dei contatori. Quindi, si partirà subito con l’emissione delle bollette riferite al periodo gennaio-giugno 2017. Seguiranno quelle relative agli archi di tempo luglio 2017-giugno 2018 e poi luglio-ottobre 2018, per poter arrivare, per le fatturazioni che decorreranno dai periodi ancora successivi, ad una bollettazione bimestrale».

L’assessore all’Equità tributaria ha poi precisato che la deliberazione che la Giunta comunale ha adottato ieri, con la quale è stato dato il via libera al nuovo metodo di calcolo del costo delle forniture di acqua calda sanitaria e riscaldamento (che verrà applicato con decorrenza 1° Gennaio 2017) «tiene conto del subentro della società Antas, a seguito di convenzione stipulata nel mese di novembre 2016, in luogo del precedente fornitore del servizio di energia per tutti gli alloggi del Progetto CASE e del nuovo sistema di fatturazione ‘a canone’. Ne consegue che la ripartizione del costo complessivo della fornitura avviene in modo uniforme su tutte le piastre, ovviamente tenendo conto del numero di alloggi occupati nella piastra e sempre specificando che l’assegnatario pagherà quello che consumerà. Da una stima effettuata dal SED è emerso che il valore semestrale massimo di costo dovrebbe attestarsi intorno ai 700 euro. Inoltre – ha concluso l’assessore Annalisa Di Stefano – considerando il particolare momento economico e per venire incontro alle necessità dei cittadini si è ritenuto equo prevedere una rateizzazione delle somme arretrate, pari ad un massimo di 150 euro mensili».

Canoni e bollette Progetto Case, ufficio aperto sabato 27 ottobre a piazza Duomo.

Il servizio Riscossione canoni ed utenze Progetto Case del Comune dell’Aquila sarà operativo a piazza Duomo nella mattinata di sabato 27 ottobre, a disposizione dei cittadini che vorranno chiedere informazioni sulla loro posizione o notizie in generale riguardanti le bollette. «Si tratta del secondo appuntamento del progetto ‘Incontri fuori dal Comune’ – ha spiegato l’assessore Di Stefano – dopo quello di metà giugno sui tributi, che ha riscosso molto interesse da parte dei contribuenti. Abbiamo scelto questo periodo visto che, dopo la delibera approvata ieri dalla Giunta comunale, riprende l’emissione delle bollette sui consumi e viene pianificato il recupero dell’arretrato. Per cui è molto probabile che gli assegnatari saranno interessati a chiedere informazioni e per questo, come ho già detto in altre occasioni, saremo noi ad andare incontro alla gente, allestendo delle postazioni a piazza Duomo in una giornata che potrebbe essere più confacente alle esigenze dei cittadini».

X