IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Arriva il Pos anche per i distretti sanitari periferici

Pos per i pagamenti con bancomat e carte di credito alle casse dei Cup dei distretti sanitari periferici.

Esami e visite: la Asl introduce in tutta la provincia i pos per i pagamenti alla Cassa Cup con bancomat e carta di credito.

Le 17 nuove postazioni digitali, in tutti i distretti sanitari periferici, si aggiungono a quelle già esistenti a L’Aquila, Avezzano, Sulmona, Castel di Sangro; il servizio alternativo al contante è ora presente a Celano, Pescina, Pratola Peligna, Tagliacozzo, Carsoli, Civitella Roveto, Pizzoli, Barisciano, Capestrano, Castelvecchio Subequo, Pescasseroli,  Pescocostanzo, Scanno, Tornimparte e Trasacco. A breve sarà esteso a Rocca di Mezzo e Balsorano.

Pos alle casse Cup della provincia.

Pagamenti di esami strumentali e visite con bancomat e carta di credito, presso le casse-cup di tutti i distretti sanitari periferici della provincia dell’Aquila, grazie all’installazione dei cosiddetti Pos, dispositivi elettronici che permettono di versare il dovuto senza usare i contanti. Tale modalità di pagamento è già possibile da anni all’Aquila (ospedale e distretto sanitario di Paganica) e ad Avezzano, Castel di Sangro e Sulmona sia in ospedale sia ai rispettivi distretti sanitari. Ora, in aggiunta ai punti già esistenti, il versamento con carta e bancomat è stato attivato anche nelle sedi distrettuali periferiche, da Carsoli fino a Pescocostanzo. L’attivazione dei Pos  rappresenta una comoda alternativa al contante (che potrà ovviamente continuare ad essere utilizzato)  al momento  di saldare il conto alla cassa Cup. Un’iniziativa che, oltre ad agevolare l’utente e a velocizzare le operazioni di pagamento, permetterà di allineare tutte le sedi distrettuali della Asl alle altre località dove già si usano bancomat e carte di credito.

«L’introduzione del pagamento con le Carte – dichiara il Manager della Asl, Rinaldo Tordera, – si inserisce nell’ottica delle molteplici iniziative, già attuate dalla nostra azienda, per andare sempre più incontro alle esigenze dell’utenza e per fare in modo che l’accesso ai servizi sia sempre più agevole. L’intento è infatti quello di semplificare e facilitare la fruibilità dei servizi in maniera uniforme su tutto il comprensorio della Asl affinché i residenti, a prescindere dal luogo di residenza, abbiano le medesime modalità di beneficiare delle prestazioni in virtù di un comune sistema operativo».

X