IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cadavere a Paganica, 36enne aggredito dai cani

Autopsia sul cadavere ritrovato in un canale del Vera: l’uomo è morto annegato dopo aver perso i sensi, probabilmente a seguito dell’aggressione da parte di uno o più cani.

Cade l’ipotesi di reato di omicidio stradale per il ritrovamento del corpo di Edmond Preka, il 36enne ritrovato in un canale irriguo del Vera, tra il nucleo industriale di Bazzano e Paganica. Dopo l’autopsia effettuata nella mattinata di sabato, prende corpo l’ipotesi di morte accidentale causata dall’aggressione di uno o più cani.

Autopsia sul cadavere ritrovato a Paganica: morte per annegamento.

Avrà 60 giorni di tempo, a partire da sabato, l’anatomopatologo che ha effettuato l’autopsia sul corpo del 36enne di origini albanesi rinvenuto in un canale del Vera, per rimettere una relazione scritta alla Procura che sta indagando sull’episodio sotto la direzione del pm Guido Cocco. Alcuni particolari, comunque, sono già chiari, come la morte sopravvenuta per asfissia da annegamento. Sul corpo del giovane, però, anche ferite compatibili con l’aggresione da parte di uno o più cani.

La dinamica: la fuga verso l’acqua e la caduta.

Secondo la ricostruzione seguita all’autopsia, confermata da fonti investigative al Capoluoogo.it, l’uomo – lungo il tratto di strada che percorreva abitualmente – si sarebbe imbattuto in uno o più cani che l’avrebbero aggredito. Da qui la fuga verso l’acqua. Una volta nel canale, però, l’uomo sarebbe inciampato, perdendendo i sensi. Da verificare se il giovane ha battuto la testa o ha avuto un malore per la concitazione del momento. Una volta caduto nel canale, per l’uomo – ormai privo di sensi – non c’è stato più niente da fare: seppur l’acqua non superasse gli 80 centimentri di altezza, infatti, il giovane sarebbe annegato.

Lutto a Paganica.

Intanto a Paganica è grande lo sconcerto della comunità per l’improvvisa morte dell’uomo, descritto come grande lavoratore. L’uomo, operaio del settore edile, lascia la moglie e due figli. Era stata la moglie a dare l’allarme, non vedendo rientrare il marito. Il corpo è stato ritrovato nella notte tra giovedì e venerdì, durante la battuta di ricerca da parte di carabinieri e vigili del fuoco.

X