IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Gran Sasso, via i sassi dalla strada per Racollo

Verranno rimossi i sassi riversati a fine 2017 dalla Provincia dell’Aquila sulla strada che da Santo Stefano di Sessanio porta al lago di Racollo.

Vinta la battaglia per il comitato #iovivoilgransasso che lo scorso 3 gennaio aveva organizzato una ciaspolata di protesta sui sassi proprio per denunciare la chiusura di una strada importante per il turismo montano nei giorni in cui la montagna potrebbe essere maggiormente vissuta, sia dai visitatori che dagli operatori commerciali.

L’accordo vede una fitta collaborazione fra Comuni e Provincia: nello specifico, il Comune di Santo Stefano di Sessanio provvederà alla rimozione delle pietre e al rimontaggio della sbarra, nonché allo sgombero ordinario e manutentivo della strada.

Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria, ci penserà la Provincia. L’apertura e chiusura della sbarra sarà a cura della Protezione Civile locale, come pure garantiscono collaborazione e volontariato i membri di #iovivoilgransasso.

Nel corso dell’incontro tra Provincia e sindaci della zona di Campo Imperatore – Piana di Navelli si è parlato anche di altre problematiche legate alla viabilità.

“È stato un incontro utile e positivo, grazie al confronto diretto con le amministrazioni del territorio – dichiara il Presidente della Provincia Angelo Caruso – al fine di recepire le principali richieste cui si dovrà dare risposta nell’ambito della prossima pianificazione di interventi 2018-2020, ricordando, tra l’altro, la disponibilità per la viabilità di 11 milioni di euro che saranno utilizzati nella prossima primavera estate. Contiamo che nel 2018 verranno trasferite alla gestione Anas circa 300 chilometri di strade provinciale, sui totali oltre 1800 chilometri di nostra attuale competenza. Allora potranno esserci i margini per valutare richieste di passaggio di strade intercomunali alla provincia, anche alla luce di maggiori trasferimenti di risorse statali per la viabilità, già previsti nell’ultima manovra finanziaria”.

X