IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Scuoiano un cervo, presi tre bracconieri

Denunciati nei giorni scorsi  dai Carabinieri della Compagnia di Sulmona tre bracconieri per uccisione di fauna selvatica protetta.

I tre sono stati infatti colti sul fatto mentre si apprestavano a macellare un capriolo e un cervo che avevano appena ucciso e scuoiato. I militari hanno sequestrato gli animali nonché il fucile utilizzato nel caso specifico e anche tutte le altre armi detenute legalmente, in attesa di disposizioni dalle autorità sulla sospensione o revoca delle licenze.

La reazione della Lega Nazionale Del Cane

Alle porte del 2018 c’è ancora chi continua a portare avanti una ‘tradizione’ che forse poteva essere accettabile nella preistoria, quando l’uomo era ancora un animale tra gli altri animali”, commenta Piera Rosati – Presidente LNDC. “Oggi la caccia, pur rimanendo un’attività aberrante e contro la quale continueremo a combattere fino alla sua abolizione, è regolamentata da leggi che prevedono periodi dedicati e animali protetti. Ma le stesse leggi ammettono deroghe e concessioni speciali ai cacciatori”.

Ma evidentemente tali concessioni non bastano a questi uomini delle caverne del terzo millennio”, continua Rosati, “che si spingono oltre e sfogano le proprie frustrazioni e la propria sete di sangue uccidendo anche animali protetti e preziosi per l’ambiente. Gli episodi di bracconaggio in Italia sono numerosissimi e riguardano diverse specie che dovrebbero essere protette ma che appare evidente non lo sono abbastanza.”

Addirittura”, conclude Rosati, “in molti casi i cacciatori – che paradossalmente si dichiarano anche amanti degli animali e della natura – approfittano dei momenti di debolezza e particolare vulnerabilità della fauna selvatica per avere un vantaggio e fare strage, come sta accadendo in questo periodo nel Piemonte già martoriato dagli incendi”.

LNDC si costituirà parte civile nel procedimento penale a carico dei tre bracconieri denunciati nell’aquilano per seguire da vicino la questione e accertarsi che non ci siano sconti o attenuanti.

 

X