IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Paganica continua a tenere alto l’obiettivo Play-off

Allo Iovenitti il Paganica conquista vittoria e bonus offensivo contro una Partenope coriacea e mai doma.

Partono benissimo i rossoneri che vanno in meta al primo minuto con Matteo Andreucci dopo un’ottima azione di tutta la linea dei ¾, subito dopo replica sempre di Andreucci che finalizza un azione dei ¾, dopo un ottima fase di conquista. Il Paganica allenta la concentrazione e permette alla Partenope di insediarsi nella metà campo rossonera: prima un calcio piazzato, poi una meta trasformata riportano la Partenope sotto break. Reagisce il Paganica e da una touche dentro i 22 organizza un drive che Jacopo Cinque finalizza in meta. Preciso il piede di Fabio Rotellini che dopo le prime due trasformazioni mette a segno anche la terza. Il Paganica insiste e realizza con Fabio Rotellini un calcio piazzato. Sul punteggio di 24 a 10 si chiude la prima frazione.

Alla ripresa il Paganica sembra appagato e ne approfitta la Partenope che con due calci piazzati si avvicina nel punteggio. Reagisce il Paganica e su un’azione di contrattacco realizza una meta con Lorenzo Zugaro.

I partenopei non demordono e con una meta tecnica da touche trasformata muovono ancora il tabellino.

Il Paganica riordina le idee e dopo varie azioni da meta non finalizzate, riesce a violare la linea di meta partenopea con Ginofernando Giordani, la trasformazione di Fabio Rotellini è precisa e porta il Paganica sul 36 a 23.

La Partenope a caccia del punto di bonus difensivo si riversa nella metà campo rossonera e riesce a realizzare la meta che li riporta sotto break, ma è solo un attimo, sulla rimessa il Paganica mette sotto pressione la ricezione partenopea e conquista un calcio piazzato che Rotellini trasforma. Al fischio finale il risultato è di 39 a 30.

Non del tutto soddisfatto coach Rotellini: “Non abbiamo dato la giusta continuità, troppe volte ci siamo adeguati al loro gioco, abbiamo concesso un po’ troppo in difesa. Diversi sono gli aspetti da migliorare e ci lavoreremo in queste due settimane, ma abbiamo anche la consapevolezza che se rimaniamo ligi al nostro piano di gioco possiamo fare ottime cose. Da qui alla fine del campionato ci giocheremo ogni partita come fosse una finale: siamo consapevoli che l’obiettivo dei play off è perseguibile e ci proveremo fino alla fine”.