IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Trifuoggi indagato: ‘contro me dossieraggio’

Il vice sindaco dell’Aquila, Nicola Trifuoggi, è indagato dalla procura della Repubblica del capoluogo nell’ambito di un’inchiesta che, ipotizza egli stesso, potrebbe riguardare una richiesta di sanatoria di alcuni cittadini, da lui non accolta, relativa a un manufatto provvisorio in legno costruito dopo il terremoto del 2009.

Con Trifuoggi sono indagate altre 12 persone tra cui il figlio Giuseppe. Titolare del fascicolo è il sostituto procuratore Simonetta Ciccarelli.

“Non sapevo nulla e non mi sono stati notificati atti, e da quanto ho letto il procedimento è destinato a essere archiviato – afferma Trifuoggi, ex procuratore della Repubblica di Pescara – Leggendo i nomi degli altri indagati credo di poter ricostruire la vicenda, che è di qualche anno fa”. “Ero già vice sindaco, mio figlio mi chiese di ricevere il suo istruttore di arti marziali, io ricevo tutti in Comune e così venne, accompagnato dal cognato”. I due chiesero al vice sindaco “che possibilità ci fossero di sanare la costruzione di una casetta in legno in zona di esondazione. Io – prosegue – risposi che non c’era nessuna possibilità e loro andarono via. Da allora non avevo saputo più nulla di questa storia, fino a oggi”.

Trifuoggi, accreditato per sua ammissione di candidatura a sindaco alle prossime elezioni comunali di giugno in una forza diversa dal centrosinistra con cui governa attualmente, vede nella vicenda giudiziaria dei risvolti politici.

“È legata alla mia candidatura? Sicuramente sì, ne sono certo – afferma – Me lo aspettavo perché so che da un anno si prepara un dossier su di me, per screditarmi. Inoltre, di recente un consigliere comunale di minoranza è venuto a informarmi, dissociandosi, che un’altra forza politica cercherà di maciullarmi sulla mia onorabilità. Io comunque vado avanti”. I reati ipotizzati, non tutti noti, sono a vario titolo di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e millantato credito.