IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Il Cotugno va al Colecchi, 5 classi trovano casa

Lo sfogo della dirigente Ottaviano: “Se la palazzina in Via Monte San Rocco fosse agibile, non avremmo problemi di spazio”

L’Istituto Da Vinci Colecchi in via Acquasanta, accoglie 5 classi del Convitto Cotugno che, a causa della non agibilità di alcuni corpi della loro sede in via Leonardo da Vinci, ha irrimandabile necessità di spazi in cui svolgere le lezioni in orario antimeridiano.

“Se l’Amministrazione Provinciale avesse risolto l’annoso problema della palazzina delle aule in via Monte S. Rocco, inagibile dal 2009, non avremmo avuto alcun problema né incomodo ad ospitare compagne e compagni, colleghe e colleghi in situazione di emergenza. Purtroppo siamo ancora in attesa di risoluzioni e sappiamo bene cosa significhi dover traslocare e quali siano gli immensi disagi connessi, per aver dovuto affrontare l’inagibilità di tutto il corpo dei laboratori e degli uffici amministrativi della sede Da Vinci per decine di giorni, nel mese di novembre 2016, a causa del rischio esterno causato da eventuali crolli della palazzina.” – dichiara la Dirigente Scolastica Serenella Ottaviano.

“Sappiamo bene cosa significhi non avere uno spazio per le attività di Scienze Motorie e Sportive e dover viaggiare ogni giorno da anni (in più di 40 classi) verso strutture sportive esterne, visto che la palestra della sede Da Vinci ad oggi non è stata ancora riconsegnata a questa comunità di apprendimento”.

“La sede Colecchi presenta varie difficoltà: mancanza di bagni funzionanti, un laboratorio serra non ancora sistemato nonostante le continue richieste all’ente proprietario, la presenza di un cantiere per la costruzione di nuovi impianti sportivi bloccato da anni che complica la gestione della sicurezza, il freddo che penetra nelle aule a causa di infissi non ancora sostituiti benché la richiesta sia stata inoltrata, anch’essa, da anni. Vi invito alla comprensione e ad accogliere con solidarietà le classi del Liceo “Cotugno”. Per qualche mese possiamo, e dobbiamo, offrire la nostra disponibilità!”

Queste le parole che la prof.ssa Ottaviano a rivolto al personale tutto, alle studentesse e agli studenti dell’istituto che dirige. “Alla comunità che accogliamo chiediamo di pazientare. Avremo modo di migliorare la gestione condivisa degli spazi, la vigilanza e, rispettando tutte e tutti il regolamento d’istituto, sicuramente avremo l’opportunità di crescere”. Testimonianza di condivisione e accoglienza in un nome di un disagio comune questa dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Da Vinci Colecchi”. Se la fine di un post terremoto si misura sulla ripresa della normalità, il 2009 è indubbiamente ancora parte integrante della quotidianità della comunità scolastica aquilana.

X