IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio, Morgia: ‘il campionato resta lo stesso’

Morgia dedica la vittoria a Piero Di Pietro. Grande vittoria, ma d’accordo con Battisti: “Squadra già data per morta”. Le parole di Paris, Russo e Mallus.

di Claudia Giannone

Mister Massimo Morgia, prima di parlare della vittoria per 1-0 sul Rieti, vuole dedicare l’importante risultato ad una persona scomparsa tragicamente nella valanga che ha travolto l’Hotel Rigopiano.

“Vorrei dedicare la vittoria a Piero Di Pietro, che è stato qui per tanti anni. Domenica non mi sembrava giusto, un pareggio non era abbastanza. La vittoria è per lui e per tutte le vittime che ci sono state”.

Si passa a parlare del match e della situazione generale.

“Loro si riposavano da quindici giorni, noi abbiamo giocato qualche giorno fa con le stesse persone che anche oggi hanno dato tutto ciò che potevano. L’importante è lo spirito che abbiamo messo in questa vittoria, totalmente meritata. Siamo arrivati a questa partita ‘male’ dal punto di vista mentale: sia per l’ambiente, che ha pensato che fossimo a sei punti dal primo posto, sia per la situazione”.

“Il campionato rimane lo stesso. Non cambia nulla. Ancora una volta, devo premiare i miei giocatori, che stanno andando anche oltre. Non abbiamo mai avuto l’organico pieno, solo per incidenti di percorso. Stiamo facendo molto. Avevo detto di giocare come sappiamo fare: non era facile attaccare contro di loro, ma abbiamo fatto un grande primo tempo. Loro sono stati primi in classifica per molto tempo, ma non hanno fatto nulla in più rispetto ad altre squadre. Ci hanno aspettato”.

Archiviato il Rieti, ora è il momento dell’Arzachena.

“L’Arzachena? Sarà la terza partita consecutiva, la più difficile, perché mentre loro si stanno allenando, noi stiamo giocando il recupero. Speriamo di recuperare tutti, in vista di questa partita importante, ma assolutamente non decisiva. L’ansia non deve più esserci. Dobbiamo fare il nostro campionato mantenendo la nostra calma e il nostro gioco. Ho sempre parlato di programmi, di progetti, di una squadra che si allenava con la juniores. Non sarà mai un fallimento totale. Sono stanco di vedere i miei giocatori sempre all’ultima spiaggia”.

Fabrizio Paris, tecnico ospite, analizza l’incontro dal punto di vista del Rieti.

“Una partita tesa, ma abbiamo fatto una grande partita, nel primo tempo molto tattica. Abbiamo preso un palo clamoroso. Nella ripresa abbiamo avuto quattro o cinque palle goal pulite, ma sull’unica ripartenza abbiamo preso goal. Sono cose che nel calcio esistono. Diemè? Con voi non riesce proprio a segnare. Ma non è il solo. Sono contento della prestazione, ma gli episodi sono stati tutti sfavorevoli. L’Aquila e Rieti – ha aggiunto, in relazione all’incontro con i Presidenti Tavecchio e Sibilia – sono due città che si trovano in un momento particolare. È stato un gesto bellissimo, sia a livello di presenza che di ricordo”.

Poche, ma pesanti, le parole del direttore Alessandro Battisti.

“In questi giorni, la squadra era già data per morta. Persone che non hanno visto le partite per mesi hanno parlato di una L’Aquila già finita. Non è così. Io rispetto sempre tutti, ma ci tengo a dire che i ragazzi continuano e continueranno a dare tutto. Sono orgoglioso di tutti loro”.

Autore del goal della vittoria, protagonista del match, anche Nicola Russo vuole dire la sua.

“Sono contento per la prestazione di tutta la squadra e di tutti i compagni. Sono tre punti pesantissimi, tolti a una squadra importante. Domenica sarà un incontro fondamentale, non possiamo e non dobbiamo fermarci. I tifosi? Sono spettacolari. Spero siano sempre di più per continuare ad aiutarci”.

Infine, Marco Mallus chiude il giro di interviste.

“Ringrazio chi pensa che con me dall’inizio della stagione saremmo primi in classifica. Sono arrivato solo ora, ma spero di dare tutto per il raggiungimento di un risultato importante. Oggi sapevamo di correre qualche rischio, il Rieti è una squadra di tutto rispetto. Siamo stati bravi nel primo tempo a gestire sempre il pallino del gioco, trovando poi il goal. Ora arriva l’Arzachena: sapevamo che sarebbe stata una settimana difficile, l’unico rimpianto è non essere riusciti a strappare i tre punti all’Ostia Mare”.

X