IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Studenti di Ortolano da oggi alla Patini

Sono stati accolti nell’Hotel Azzurro i 26 residenti di Ortolano, l’unica frazione di Campotosto completamente evacuata.

Per non dividere la comunità, le famiglie sono state tutte sistemate presso l’Hotel Azzurro e i ragazzi sono stati accolti questa mattina nella scuola media Patini. Ortolano è l’ultima frazione aquilana, i tre ragazzi frequentavano le medie a Nerito, in provincia di Teramo. Il rischio più grande per la frazione è quello di slavine e valanghe. La stessa s.s. 80 è interrotta subito dopo Ortolano da una grande frana che impedisce ai residenti di raggiungere i posti di lavoro nel teramano.

«Sono tre i ragazzi che da oggi frequentano la scuola media Patini – spiega al Capoluogo il Direttore Didattico Antonio Lattanzi -.

Un dejà vu che colpisce gli aquilani, memori dei ragazzi ospiti delle scuole della costa nel 2009.

Due sono fratelli ed il terzo è loro cugino. Il più piccolo frequenta la seconda media; mentre gli altri due la terza. Sono stati inseriti nelle classi di lingua francese e, naturalmente, i due coetanei frequentano la stessa classe».

«La frazione di Ortolano – spiega il sindaco di Campotosto, Luigi Cannavicci – è la più colpita dal sisma. I 26 residenti sono stati tutti evacuati. L’unica vittima del sisma del 18 gennaio a Campotosto è proprio un residente di Ortolano che, mentre stava spalando la neve dopo la prima scossa delle 10, è stato investito da una enorme slavina staccatasi durante la seconda scossa che ha travolto la casa e l’uomo».

“I due fratelli erano uno all’interno dell’abitazione, l’altro fuori nell’intento di spalare la neve. Quello all’interno è riuscito a salvarsi uscendo dal balcone. Dell’altro non si hanno avuto notizie per ore, poi l’atroce verdetto

Gli altri residenti di Ortolano sono stati trasferiti nei map del comune, ma negli alloggi non si vive in condizioni facili: “In quaranta metri quadrati ci sono addirittura due famiglie – conclude Cannavicci -. Gli altri sono sparsi nei map messi a disposizione nell’aquilano”. Parte della statale 80 è ancora chiusa per pericolo frane.

X