IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Penalisti contro i CIE: investire sui diritti

Investire sui diritti e non su doppi binari, ovvero le espulsioni di massa e la riapertura dei CIE, che spesso portano solo a binari morti. Il Direttivo della Camera Penale dell’Aquila Emidio Lopardi jr interviene sul dibattito in corso in seguito ai fatti avvenuti nel centro di accoglienza di Cona.

“La storia sembra non aver insegnato nulla ai nostri politici” dicono i penalisti aquilani.
“E’, infatti, bastata la proposta del Ministro degli Interni (formulata all’indomani dei fatti avvenuti nel Centro di Accoglienza di Cona) di (ri)aprire i CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione) in ogni Regione (e quindi anche in Abruzzo) per far scattare l’ennesima gara di “corsa al populista”, sport nel quale i nostri rappresentanti non sembrano essere secondi a nessuno.
Quella delle “espulsioni di massa” e quella della riapertura dei CIE sono, però, le peggiori risposte che si possono offrire al drammatico problema dell’immigrazione.
Da Avvocati Penalisti non possiamo non sottolineare come con le prime si costruisca l’ennesimo “doppio binario” nel sistema giuridico italiano e come i secondi abbiano già avuto modo di dare la “migliore” immagine di sé negli scorsi anni allorquando si trasformarono da luoghi di permanenza estremamente transitoria in strutture di vera e propria detenzione per persone che alcun crimine avevano commesso.
Si prenda allora veramente la storia come esempio e non si commettano gli errori del passato solo in virtù di una vana rincorsa all’ultimo voto di pancia.
Si investa davvero in strumenti idonei alla identificazione senza sperperare le poche risorse concesse in inutili quanto degradanti strutture.
Si investa sopratutto in Diritti: i doppi binari finiscono sempre in un binario morto.”

X