IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Approvate le norme di semplificazione nel settore forestale

Nella seduta del 27 dicembre del Consiglio regionale, dopo un lungo lavoro istruttorio svolto in diversi incontri, in cui vi è stata la partecipazione attiva di tutte le componenti del settore forestale, sono state approvate le modifiche della Legge organica in materia di tutela e valorizzazione delle foreste, dei pascoli e del patrimonio arboreo della regione Abruzzo. Il Provvedimento legislativo è stato licenziato su proposta dall’Assessore Dino Pepe e del Presidente della Commissione Agricoltura Lorenzo Berardinetti.

«Con questa revisione della legge – commentano i proponenti – si va incontro alle esigenze di semplificazione e di razionalizzazione di una norma che nell’ottica di regolamentare in modo positivo l’uso della risorsa forestale ha però irrigidito un settore che è in forte crisi. Tra le modifiche più rilevanti vi è la delega ai comuni di parte delle competenze regionali in materia di autorizzazioni per il taglio silvo-colturale per le aree sottoposte a vincolo idrogeologico nei centri urbani. Con la nuova norma viene inoltre eliminato l’obbligo per i richiedenti dell’autorizzazione regionale ma esclusivamente sui terreni a destinazione agricola e soggetti a coltivazione».

«In attesa che venga adottato il regolamento attuativo che è in corso di perfezionamento, sono state introdotte disposizioni per la concessione e realizzazione degli interventi forestali sui terreni di uso civico – continuano i Consiglieri – consentendo agli operatori di svolgere la propria attività salvaguardando la necessaria manutenzione dei boschi e garantendo i livelli occupazionali. Con questo provvedimento – continuano Pepe e Berardinetti – si risolvono numerosi casi di incertezza applicativa prevedendo la possibilità della Giunta Regionale di adottare atti temporanei al fine di accelerare l’iter normativo. Si torna infine a consentire l’utilizzo delle mountain-bike sulle piste forestali, come da molte parti era stato auspicato». Pepe e Berardinetti ringraziano infine per la collaborazione dimostrata dal Corpo Forestale dello Stato che ha partecipato attivamente alla stesura del testo.

X