IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Crostata morbida Natalizia con crema, clementine e ribes rosso

Più informazioni su

Alessandra Bonomo

Alessandra Bonomo

Il suo gusto delicato la rende ideale per la prima colazione o una dolce merenda di Natale.
Arricchita con vermut, marsala o liquore al mandarino avrà un sapore più deciso ed un gusto sorprendente.
Ingredienti:
– crema pasticciera (come da ricetta crema pasticciera)
– torta soffice (come da ricetta torta soffice)
– clementine
– ribes rosso
La ricetta di questa crostata morbida è davvero semplice. Basterà una base soffice, uno “stampo furbo” per crostate, crema pasticciera e tanta fantasia per la decorazione con la frutta.
Io l’ho realizzata così…
Cominciate preparando la base seguendo la ricetta della torta soffice (torta soffice). Potete utilizzare la dose intera o dimezzata; regolatevi a seconda del vostro “stampo furbo”. Considerate che il composto dovrà riempire tale stampo per metà. Io, per esempio, ho preparato la dose intera e ne ho ricavato una crostata morbida ed un ciambellone extra :-).
Ponete il composto nello “stampo furbo” adeguatamente imburrato (io ho utilizzato burro fuso e pennello in silicone per farlo aderire a dovere su tutto lo stampo).
Cuocete la base della crostata in forno preriscaldato a 150°. Per verificarne la cottura utilizzate il classico trucco dello stuzzicadenti: infilzate la torta e controllate che lo stuzzicadenti sia asciutto (in tal caso la base sarà cotta).
Lasciate raffreddare la base e nel frattempo preparate la crema pasticciera come da ricetta (crema pasticciera). Versate la crema in una ciotola, ricoprite di pellicola trasparente (completamente a contatto con la crema) e lasciate intiepidire.
Togliete la base dallo “stampo furbo” e ponetela su un piatto da portata (capovolta rispetto alla posizione originaria nello stampo, ossia con la parte concava rivolta verso l’alto). A questo punto potete o meno bagnarla con vermut, marsala, liquore al mandarino o qualsiasi altra bagna sia di vostro gradimento. Io ho preferito lasciarla così, al naturale, semplice semplice per la prima colazione, poiché l’impasto è talmente morbido da essere squisito anche senza bagna.
Riempite la parte concava con la crema pasticciera e decorate con clementine e ribes rossi, dando sfogo alla vostra fantasia. Io, per esempio, ho ricavato una decorazione classica con le clementine e poi, aiutandomi con un taglia pasta, ho disegnato al centro una stella che poi ho rifinito e riempito con dei ribes rossi.
Et voilà…la crostata natalizia è pronta :-)

Più informazioni su

X