IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Gran Sasso Pesaro: 9 a 12

Più informazioni su

Partite fuori casa tabù per la Gran Sasso, che cade a Pesaro 12 a 9 alla fine di una partita dai ritmi lenti, caratterizzata da molti errori per entrambe le squadre.

I rossi marchigiani partono con grande aggressività, volendo onorare la nuova tribuna del Toti Patrignati, ma trovano una Gran Sasso presente sul punto d’incontro nei primi minuti di gioco. Al 19’ Iezzi si aggiunge alla lunga lista di infortunati, ma la partita non decolla mai, trascinandosi da un campo all’altro fino al 22’ quando Spinelli marca i primi tre punti della partita da calcio di punizione. La Gran Sasso quando si affaccia nella metà campo pesarese prova la via della touche, essendo obbligata a fare mete per poter cullare il sogno della poule promozione, ma non riesce a raccogliere punti a causa di errori ed imprecisioni. E’ invece preciso Spinelli, che con i suoi calci al 30’ e 37’ porta il Pesaro avanti 9 a 0, mentre la Gran Sasso perde anche De Rubeis, come Iezzi per un infortunio al ginocchio
In apertura di ripresa i grigiorossi provano a riaprire i conti e vanno in meta con Servadio innescato da un bel calcio di Giampietri, Valdrappa non riesce ad aggiungere due punti al bottino. Anche il ritmo partita continua ad interrompersi, similmente a quanto accaduto nel primo tempo e bene fa Pesaro ad approfittare di ogni possibilità per centrale i pali, è ancora Spinelli infatti al 56’ a regalare tre punti ai suoi, per il definitivo 12 a 5 che si cristallizzerà fino alla fine. Risulta infatti tabù la meta pesarese per la Gran Sasso, che ogni volta che si avvicina ai 5 metri avversari, è vittima più dei suoi errori, che della solidità della difesa avversaria. Il Pesaro continua nella gestione ordinata dell’incontro, alternando maul a calci profondi, senza prendere particolari rischi.
La girandola dei cambi finali per la Gran Sasso porta pochi risultati, permette però al giovanissimo Pompeo, classe 1999 di fare il suo esordio in serie A, un raggio di sole, nella cupa giornata pesarese, che condanna per il primo anno la Gran Sasso alla poule salvezza.

Marcatori: p.t. 22’ c.p. Spinelli (3-0), 30’ c.p. Spinelli (6-0) 37’ c.p. Spinelli (9-0), s.t. mt. 46’ Servadio (9-5), 56’ c.p. Spinelli 12-5.

PESARO RUGBY: Matinelli (74’ Piccioli), Panzieri, Incarbone, Spinelli, Biagetti, Micheli, Martinelli, Mills, Villarosa, Benelli ( 46’ Jaouhari), Battisti, Del Bianco, Jashitashvili, Fagnani, Biondi.

A disposizione: Capoccia, Solari, Galdelli, Campagnolo, Jaouhari, Danieli, Piccioli, Cardellini.

GRAN SASSO RUGBY: Valdrappa, Anibaldi (55’ Mistichelli), Caione, Giampietri, Servadio (79’ Pompeo), Fidanza, Angelone, Di Cicco, Lofrese (79’ Paiola), De Rubeis (40’ Suarez), Fiore, Di Cesare (64’ Di Febo), Guerriero (60’ Sacco), Iezzi (19’ Cecchetti), Rossi (74’ Paolucci).

Man of the match: Carlo Villarosa

Note: Spettatori circa 300

Più informazioni su