IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Piccoli segreti e grandi bugie: un film per metà abruzzese

FILM SANTO STEFANO

Il 15 dicembre, su Rai 1, verrà trasmesso in prima serata Piccoli segreti e grandi bugie, un film della Pepito Produzioni girato per metà a Santo Stefano di Sessanio e per metà a Torino. La pellicola racconta la storia d’amore tra Mara ( Chiara Francini), una giornalista di una testata turistica, e Luca ( Giuseppe Zeno), il proprietario di un albergo diffuso; i due dovranno mandare avanti la loro storia tra mille equivoci e difficoltà, tra il borgo abruzzese, dove lui gestisce la sua attività, e Torino, dove vive la ragazza.  “Il fatto che lui diriga un albergo diffuso – ha dichiarato Sonia Fiucci di Film Commission L’Aquila e Gran Sasso– ha fatto sì che una parte del film fosse girata a Santo Stefano di Sessanio, presso l’ albergo Sextantium di Daniel Kihlgren che è stato utilizzato come set per molte scene. Si tratta di un’occasione per dare risalto alle bellezze del nostro territorio ed alle tradizioni locali tramite il cinema, le altre regioni investono molto nelle film commission ottenendo un considerevole riscontro a livello di cineturismo mentre l’Abruzzo, a dispetto dei meravigliosi paesaggi che può vantare, continua a non sfruttare le sue enormi potenzialità.

Stiamo parlando di una considerevole mole di guadagni mancati e di opportunità di lavoro sfumate, nel caso di Piccoli segreti e grandi bugie i tecnici per le riprese sono stati reclutati nel territorio e così per i parrucchieri e le comparse. Il cinema è un mezzo molto efficace per far conoscere il proprio territorio attirando turisti ed investitori, “A Bollywood – ha continuato Sonia Fiucci– i produttori indiani stravedono per i paesaggi e le ambientazioni come quelle abruzzesi, ogni anno investono milioni per girare film in Europa e se conoscessero la nostra regione non esiterebbero a portare le loro troupes fin qui. Sarebbe un’occasione d’oro per l’Abruzzo, che avrebbe un’enorme visibilità, e per i ragazzi del luogo in  termini di occasioni lavorative.

X