IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Rugby Club, vittoria nel derby

Più informazioni su

L’Aquila Rugby Club accede alla pool promozione per l’Eccellenza con tre turni di anticipo. A prescindere dai risultati di domani, infatti, la vittoria nel derby con la Gran Sasso Rugby dà matematicamente accesso agli uomini di Vincenzo Troiani e Pierpaolo Rotilio di accedere alla seconda fase. In un “Fattori” riscaldato dal numeroso pubblico anche il derby di ritorno va ai neroverdi, che si impongono sulla Gran Sasso 19-25 (1-4), dopo una partita corretta ed equilibrata.

Parte forte la Gran Sasso, che conquista la prima mischia dopo due minuti. I primi dieci minuti sono di marca grigiorossa, con l’estremo sudafricanoJess Du Toit che realizza al piede i primi punti dell’incontro. Gli risponde dopo un minuto Filippo Di Marco, che al 16′ replica dopo un fallo in mischia dei padroni di casa, e porta in vantaggio i suoi: 3-6. Ma è a metà del primo tempo che L’Aquila segna la sua prima meta: Giorgio Erboliniindividua un buco in mezzo al campo e corre per quaranta metri, schiacciando oltre i pali. La partita è equilibrata, Di Marco sul finale di tempo ha possibilità di allungare ma fallisce al piede, cosa che riesce invece a Du Toit, che porta le squadre negli spogliatoi sul 6-11.

La ripresa si apre sempre con un bel calcio dell’estremo sudafricano, è il momento migliore per la Gran Sasso che si porta sotto di due punti. L’Aquila soffre la mischia avversaria ma si riorganizza e trova, nel momento più importante dell’incontro, la vena cinica con il gioco alla mano: Carlo Cerasolischiaccia in meta per il 9-16.

Sotto il break, e con un uomo in più (giallo a Dario Basha) è il capitano della Gran Sasso a prendere per mano i suoi e concretizza la superiorità numerica (giallo al terza linea neroverde Dario Basha) con una bella meta. Sul 14-16 Du Toit fallisce il pareggio al piede, mentre il neoentratoFrancesco Cozzi è preciso due volte, riportando L’Aquila sopra il break: 14-22. Nel finale la Gran Sasso gioca in avanti gli ultimi dieci minuti, di nuovo in superiorità per il giallo a Nicola Rettagliata, e va per la seconda volta in meta con Lorenzo Fiore, dopo un imponente avanzamento in maul. Nel finale c’è tempo per altri tre punti di Cozzi al piede: termina 19-25 tra gli applausi del pubblico.

“Sono molto soddisfatto del comportamento dei ragazzi – afferma dopo la partita il direttore tecnico Vincenzo Troiani – avevamo chiesto ai ragazzi di giocare come fosse una finale, non per l’importanza di una finale, ma perché saremmo dovuti essere molto più strategici. L’abbiamo fatto, rispondendo alla grande e mettendo in campo una difesa che ha impedito i loro movimenti, accelerando e creando un gioco interessante”.

“La meta di Cerasoli è la sintesi di quello che questa squadra ha nel proprio dna, la possibilità di accelerare e giocare il pallone in grande velocità”, conclude Troiani.

Prossimo appuntamento al “Fattori” fissato per il 18 dicembre, quando i neroverdi ospiteranno il Primavera Rugby nella penultima giornata della prima fase.

Più informazioni su