IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Parcheggi a pagamento prima di Natale

642 posti auto a pagamento prima di Natale, 504 stalli liberi, 41 per disabili che restano gratuiti, 40 col disco orario nelle aree più centrali. Questi i numeri della delibera approvata in giunta lo scorso venerdì. [L’Aquila, la giunta delibera le strisce blu]

“E’ stata una delle gestioni più complesse degli ultimi anni, ma si deve cominciare a tornare alla normalità e assicurare la possibilità di entrare in centro storico a tutte le ore. Uno dei motivi legati alle difficoltà è  legato al contenzioso con M&P che restituirà tutto quello che negli anni non è stato pagato, ovvero circa un milione di euro. Ho preso questa strada andando contro parte della giunta e cittadini” – è quanto dichiara il sindaco Massimo Cialente durante la conferenza stampa convocata per fare il punto della situazione, a cui hanno preso parte anche il comandante dei Vigili Urbani e il presidente dell’ASM Agostino Del Re.
La normalità della città prevede che rientri in funzione una delle più importanti strutture della città, il mega parcheggio di Collemaggio, e il tapis roulant. “Dobbiamo entrare nell’ottica di una città pedonalizzata”.
Sono 642 posti auto, a fonte dei mille che c’erano prima del 2009. “Altri posti auto a tariffa non sarà possibile tirarli fuori perché sarebbe un suicidio riempire di auto la città come avveniva prima del terremoto. Già nel 2008 avevo provato a fare isole pedonali a Piazza Palazzo e a Piazza Duomo, ma è stato impossibile. Ai tempi  Via dell’Indipendenza, Via Roio, Via Sassa, Via dell’Arcivescovado erano delle vere  camere a gas. Questo non si deve ripetere ora che stiamo ricostruendo”.
Le strade interessate: Fontana Luminosa viale Nizza, viale Gran Sasso, via S. Basilio, viale Duca degli Abruzzi, via S.Amico – dove sono previsti 127 parcheggi a pagamento (6 saranno gratuiti per disabili, 10 con disco orario e 18 liberi); nell’area di San BernadinoPiazza San Bernardino, via Maiella, via Tedeschi, via Signorini Corsi, via Vittorio Veneto, via Forfona, via del Greco, via Invalidi di Guerra – con 96 stalli blu, 9 destinati ai disabili, 9 con disco orario e 98 gratuiti (la maggior parte, 53, in via Forfona); i parcheggi torneranno a pagamento anche in zona Castello, via Castello e via Tagliacozzo, con 120 stalli blu, 6 destinati a disabili e 81 liberi; e così, intorno alla Villa Comunale – via dei Giardini, viale Rendina, viale Crispi, via Iacobucci, viale Collemaggio – con 93 stalli a pagamento, 7 per disabili, 6 col disco orario e 73 liberi; strisce blu pure a Villa Gioia – tra via Filomusi Guelfi, via Roma e via XX Settembre – con 71 parcheggi a pagamento, 4 per disabili, 15 a disco orario e 145 gratuiti (120 in via Filomusi Guelfi), in zona Questura – via Strinella, via Pescara e parcheggio coperto di Strinella 88 – con 91 stalli blu, 3 per disabili e 23 gratuiti, e su viale Corrado IV, dove saranno disegnati 44 parcheggi a pagamento, 6 per disabili con 66 stalli che resteranno, invece, gratuiti.
Tariffe: 0,50 ad ora in alcune zone, 1 euro ad ora in altre. 
L’ingresso sarà consentito solo ai residenti. Da domani parte il permesso di accesso solo per mezzi operosi, questo per mettere fine a parcheggi selvaggi di auto e mezzi che non operano alla ricostruzione. Anche  ingegneri e architetti verranno a piedi.
Partirà a breve anche il servizio navetta dal Terminal di Collemaggio che dovrà diventare il polo di riferimento per chi vorrà entrare in centro storico, commercianti compresi. Stessa cosa vale per i dipendenti della Questura e di Strinella 88. “In questa zona i posti auto sono occupati da mattina a sera non evitando il giusto turn over che permetterebbe a tutti di parcheggiare. Quindi i dipendenti potranno sostare con la loro auto nel parcheggio di Acquasanta e poi usufruire del servizio navetta per raggiungere il posto di lavoro”.
Si potranno utilizzare le biciclette a pedalata assistita: “Enel garantirà le biciclette, si potrà pagare il servizio in bolletta, e poi ci sono i finanziamenti pubblici fino a 350 euro per l’acquisto. Inoltre, realizzeremo parcheggi per il bike sharing“.
In ultimo Cialente ha assicurato che presto verrà razionalizzata la situazione all’Amiternum.