IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Paganica, il distretto sanitario va nell’ex Tribunale

E’ in via di immediata soluzione il problema che ha coinvolto la sede del Distretto Sanitario di Paganica.

In una riunione svoltasi questa mattina in Consiglio Regionale, convocata dal Consigliere Regionale Pierpaolo Pietrucci su sollecitazione del Consigliere Comunale Ali Salem e alla presenza di entrambi, dell’Assessore Silvio Paolucci, del Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, del Manager della ASL Rinaldo Tordera, e della Consigliera Territoriale di Paganica, Fernanda Tramontelli, sono state attivate con urgenza tutte le procedure per affrontare e risolvere il problema dello spostamento – sempre a Paganica – di una parte del Distretto Sanitario in altra sede, a seguito dei sopralluoghi dei NAS che, nei giorni scorsi, hanno dichiarato inidonei gli attuali locali.

E’ stato organizzato dunque nella stessa mattinata di oggi un sopralluogo presso i locali dell’ex Tribunale del N.I. di Bazzano, guidato dall’equipe del Dipartimento Prevenzione della ASL dell’Aquila, diretta dal Dottor Domenico Pompei, e dal Dottor Luigi Giacco e i tecnici del Nucleo Industriale per verificare l’idoneità di locali alternativi a quelli attuali, individuati come prima ipotesi per ospitare gli ambulatori del Distretto, lasciando tuttavia dove si trovano attualmente (Casa dell’Alpino) sia il CUP che il servizio prelievi.

Il Distretto Sanitario – che attualmente eroga servizi a circa 20 mila utenti – sebbene suddiviso in due sedi operative, resterà dunque a Paganica, e continuerà a servire il bacino di utenza di tutta l’area Est della città dell’Aquila. La sua posizione è sempre stata considerata strategica e non si è mai pensato né di chiudere, né di spostare in altre zone i servizi sanitari.

Nei prossimi giorni saranno predisposti tutti gli adempimenti tecnico-amministrativi del caso, per valutare il trasferimento degli ambulatori che – se confermata positivamente l’idoneità – potrà avvenire a quel punto non prima di aver predisposto ed effettuato dei piccoli lavori di manutenzione, per l’adeguamento strutturale dei locali.