IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio, Morgia: “Punto strameritato”

di Claudia Giannone

Ai microfoni della stampa, nel post gara di Albalonga-L’Aquila, big match terminato per 2-2, il primo a prendere la parola è Roberto Chiappara, tecnico dei padroni di casa.

“Dispiace: fino ad un minuto dal termine, eravamo in vantaggio. Avevamo ribaltato il risultato con un’ottima prestazione. Ci sono state occasioni importanti su entrambi i fronti: si tratta di due squadre forti in questo momento, il pari ci può stare. Per i valori espressi in campo, si possono equivalere. L’Aquila è forte, c’è grande rispetto da parte nostra”.

“Cruz? Aveva problemi fisici, ho preferito non rischiarlo. Ci ha dato una grossa mano nella ripresa – ha aggiunto – sui goal siamo stati ingenui, soprattutto sul secondo: dovevamo buttare palla e la punizione non era irresistibile. Ma avevamo dato tutto, gli errori fanno parte del calcio. È stata una prestazione importante contro una grande squadra, siamo soddisfatti di essere stati all’altezza. L’operato dell’arbitro? Non ne parlo”.

Prosegue mister Massimo Morgia, con grande soddisfazione ed un pizzico di rammarico, per una vittoria che sarebbe potuta arrivare nel miglior momento dell’Aquila.

È un punto strameritato, dopo l’1-0 abbiamo preso la partita in mano. I ragazzi hanno dimostrato di poter ambire a questo campionato, con un’ottima prestazione contro la prima. Dobbiamo migliorare su alcune cose, dobbiamo avere più cattiveria. Purtroppo abbiamo perso un giocatore importante come Minincleri per il derby contro l’Avezzano”.

“Il nostro gioco è questo: dobbiamo imporlo senza innervosirci. È questo che ho detto negli spogliatoi. Abbiamo rischiato, preso in mano il gioco: dispiace, perché la partita doveva finire diversamente. Il pubblico? – ha concluso – encomiabile. Ci danno grandi soddisfazioni, un pubblico così appassionato aiuta anche me a stimolare i giocatori. Non mollano mai, fino alla fine. Il pari è dedicato a loro“.