IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila, il 3 al via il vaccino antinfluenzale

Giovedì 3 novembre prossimo scatterà, in tutta la Asl Avezzano-Sulmona- L’Aquila, la vaccinazione per la protezione contro l’influenza stagionale.

Attualmente nei depositi della Asl si trovano circa 40.000 dosi di vaccino ma, in caso di necessità, sarà acquistato tutto il quantitativo supplementare per coprire eventuali richieste aggiuntive.

Quest’anno, oltreché alla categorie a rischio, l’invito a vaccinarsi viene rivolto, con particolare forza, agli operatori sanitari che lavorano presso le strutture ospedaliere e che, grazie al vaccino, possono tutelare se stessi e i propri pazienti, soprattutto quelli più a rischio. L’obiettivo della Asl è quello di coinvolgere il maggior numero di utenti per migliorare sensibilmente la percentuale di copertura vaccinale che lo scorso anno si attestò al 45%, in linea con la media della regione.

Appello del Manager. “Vaccinarsi è fondamentale per tutelare se stessi e per proteggere, al tempo stesso, tutta la comunità, in particolare i soggetti fragili e gli anziani,” afferma il manager della Asl Avezzano-Sulmona- L’Aquila, Rinaldo Tordera, “e quindi l’invito alla popolazione interessata è quello di recarsi nei centri vaccinali per farsi somministrare il farmaco in modo da acquisire tutte le necessarie difese contro il virus”.

La vaccinazione che, va ricordato, è gratuita, è altamente consigliata per le persone che rientrano nelle categorie e rischio: età pari o superiore a 65 anni; i bambini di età superiore ai sei mesi, i ragazzi e gli adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza; i bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di sindrome di Reye in caso di infezione influenzale; le donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza; gli individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti; medici e personale sanitario di assistenza; familiari e contatti di soggetti ad alto rischio; soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali.

“Vaccini sicuri”. “E’ il caso di ricordare che le vaccinazioni”, afferma il direttore del servizio igiene, epidemiologia e sanità pubblica della Asl, dr. Enrico Giansante, “sono lo strumento con il quale, in Italia, ogni anno migliaia di vite vengono protette da malattie infettive. Inoltre occorre ribadire, una volta di più, che i vaccini sono tra i farmaci più severamente controllati e garantiti riguardo alla sicurezza”

I tempi di efficacia del farmaco. IL vaccino avvia l’azione protettiva contro il virus entro due settimane dalla somministrazione ed assicura una copertura che dura 6-8 mesi. Solitamente l’influenza stagionale si manifesta attorno alla metà di gennaio e tocca l’apice nelle prime due settimane di febbraio.

La vaccinazione, che inizierà come detto il 3 novembre, proseguirà fino al 31 dicembre prossimo, con possibilità di andare oltre tale data in base alla richiesta.

Ci si può vaccinare dal proprio medico di famiglia oppure rivolgersi alla sede vaccinale della Asl:

L’Aquila Via Bellisari (Collemaggio) 0862 368831