IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Nessun dissuasore per il bivio mortale

di Eleonora Falci

Nessun dissuasore verrà posizionato sulla SS17 – all’altezza del pericolosissimo bivio con la SR 261, nei pressi di San Gregorio – nonostante i moltissimi incidenti, alcuni anche mortali, che si verificano quasi quotidianamente in quel tratto di strada. Il no ai dissuasori è arrivato dalla Provincia dell’Aquila, visto che la strada è di sua pertinenza.

Un problema, quello della sicurezza al bivio di San Gregorio, che si ripresenta puntuale ad ogni incidente e al quale pare non esserci una soluzione definitiva: il Comune, dal canto suo, ha stanziato nella variazione di bilancio dello scorso agosto i fondi per l’apposizione di segnaletica orizzontale e verticale nei pressi dell’incrocio.

Ma è troppo poco, dice Franco Marulli, Assocasa UGL, che si è interessato della vicenda sollecitando anche il prefetto dell’Aquila Francesco Alecci. “Nel ringraziare il Prefetto per l’interessamento, riteniamo insufficienti le misure da adottare, soprattutto nei pressi del complesso delle suore di San Gregorio, dove è presente anche un plesso scolastico: lì era opportuno che si installassero delle bande sonore e luci lampeggianti, strumenti più consoni per la riduzione della velocità”.

Proprio due anni fa, nei pressi di quel bivio perse la vita, investita da un’auto, Susanna Ciccarelli, una ragazza di 12 anni che usciva proprio dall’istituto scolastico.